Concluso ieri il Festival Organistico Città di Trapani

149

Si è conclusa ieri sera, nella splendida cornice della Cattedrale di Trapani, davanti a un folto pubblico di appassionati, la rassegna dei sei concerti d’organo voluta dal Comune di Trapani, dall’Ente luglio Musicale Trapanese, con la partecipazione dell’Associazione culturale “Ciuri”, la Rivista on Line Loft Cultura e la direzione artistica del M° Leonardo Nicotra. E proprio il M° Nicotra, ieri sera, si è seduto ai due organi della Chiesa, coinvolgendo il pubblico, con un programma variegato eseguito nella prima parte sull’organo meccanico, assieme alla soave voce del soprano Lucia Nicotra, che ha emozionato gli ascoltatori con l’esecuzione del Crucifixus di Rossini, dalla Petite messe solennelle e il Vidit suum di Pergolesi dallo Stabat mater, e alla brava oboista Alice Anelli, intervenuta assieme al soprano, con il suo strumento nel “Quia respexit” di J. S. Bach, tratto dal Magnificat.

Il programma è proseguito al grande organo dei fratelli Ruffatti, a tre tastiere, dove l’organista, attraverso la scelta del repertorio, ha saputo mettere in evidenza le caratteristiche e le potenzialità dello strumento. La famosa Toccata e fuga in re minore di Bach,  eseguita con maestria, il corale 3 di Franck, sublime composizione di grande respiro musicale, le virtuosistiche  “Variazioni da concerto” di Bonnet con la spettacolare cadenza per solo pedale e la toccata di Widor dalla 5a sinfonia, hanno saputo letteralmente catturare il numeroso pubblico intervenuto che  ha sottolineato con lunghi applausi, e standing ovation finale, le brillanti performances di Nicotra. Un dato significativo registrato è stato la numerosa presenza di turisti, segno tangibile di gradimento in una chiesa cattedrale, che vive nel cuore pulsante del centro storico trapanese e che si è rivelata, ieri sera, anche punto di riferimento di arte e cultura organistica. Un ringraziamento sentito viene rivolto al parroco, Mons. Gruppuso per la ospitalità e la disponibilità.