I carabinieri della stazione di Campobello di Mazara, avvisati da un cittadino che ha notato lo strano involucro sulla battigia, si sono recati sulla spiaggia di Tre Fontane ed hanno accertato, come del resto avvenuto anche in passato, che si trattava di droga. Il panetto, ovviamente, è stato posto sotto sequestro a carico di ignoti e sarà poi versato presso l’ufficio corpi di reato. Il rinvenimento di droga sulla spiaggia o in mare non è infrequente. Già nel febbraio 2021 i Carabinieri avevano rinvenuto su quella stessa spiaggia un pacco di droga di ben 36 kg. Altri ritrovamenti sono stati registrati nel corso di tutto il 2021. In aprile a Triscina, fu trovato un involucro in cellophane, parzialmente deteriorato, contenente 5 panetti di hashish pari a 750 grammi. Di solito i panetti sono provvisti di etichette cartacee, proprio per identificare, negli ambienti criminali, le diverse partite e i fornitori. Ricordiamo ancora, nella sola provincia di Trapani, i pacchi ritrovati dai Carabinieri del Comando Provinciale nel mese di gennaio: a Pizzolungo e sulla spiaggia nei pressi dell’aeroporto di Birgi. E poi quelli trovati nel mese di marzo a Petrosino. Ci sono poi i pacchi spiaggiati nei pressi di Sciacca e perfino sulle coste palermitane. Una delle ipotesi formulate dagli investigatori è che lasciare la droga in mare, concordando tempi e coordinate di consegna, possa essere un metodo dei trafficanti e che i pacchi spiaggiati siano frutto di dispersione accidentale di carichi non ritirati che talvolta il mare porta a riva.