Un bando di gara per ”L’ultimo miglio del porto di Trapani”

129

È appena stato pubblicato l’Accordo quadro per l’assegnazione dei servizi di
progettazione e l’esecuzione dei lavori dell’intervento di collegamento del Porto
di Trapani con l’area industriale e l’autostrada, affidato al Commissario ZES
della Sicilia Occidentale, a valere su fondi del fondo Next Generation Eu.
«Al momento del mio insediamento – spiega il Commissario Straordinario del
Governo, Prof. Carlo Amenta – era presente solo il titolo del progetto con lo
stanziamento complessivo. Grazie allo straordinario lavoro dei tecnici e dei
legali della struttura commissariale, al supporto dell’Agenzia della Coesione
territoriale e dei Ministeri titolari e all’assistenza tecnica di Invitalia che svolge
la funzione di centrale di committenza, siamo riusciti a mandare in gara in
tempo utile questa importante opera infrastrutturale che potrà potenziare lo
sviluppo dell’intera provincia di Trapani e di alcune importanti realtà
industriali della Sicilia Occidentale. Nel corso degli ultimi mesi, la
collaborazione con tutti gli enti locali e gli attori istituzionali è stata intensa e
proficua e credo possa costituire un esempio per utilizzare con profitto i fondi
derivanti dal PNRR, realizzando le opere negli stringenti tempi previsti dal
Piano. La stessa modalità scelta per le gare, che comprende anche diversi
interventi su ZES Sicilia orientale e ZES ionica, testimonia l’importanza delle
sinergie istituzionali per lo sviluppo».
Il progetto – del valore di 17,8 milioni di euro, finanziato con risorse afferenti al
Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza – ha lo scopo di rendere più efficienti i
collegamenti dei nodi (porti, interporti) e/o delle aree industriali con la rete
delle ZES e le operazioni di trasporto favorendo così il decongestionamento dei
relazioniesternezes.siciliaoccidentale@agenziacoesione.gov.it
flussi di traffico veicolare con conseguente riduzione delle emissioni di gas
climalteranti.
La realizzazione dell’ultimo miglio comporterà, dunque, un miglioramento alla
viabilità generale esistente e in particolare consentirà di liberare parte del
carico veicolare dal centro urbano di Trapani e dintorni.