L’ITET ‘Garibaldi’ di Marsala ‘Scuola Ambasciatrice del Parlamento Europeo’

10

“Scuola Ambasciatrice del Parlamento europeo (European Parliament Ambassador School Programme EPAS)” è il programma che coinvolge le scuole di tutta Europa in un percorso annuale di formazione, che culminerà nella cerimonia di consegna e apposizione della targa di Scuola Ambasciatrice del Parlamento europeo. Il programma, lanciato con un progetto pilota nel 2015 dal Segretario Generale del Parlamento europeo, Klaus Welle e la DG Comunicazione del Parlamento Europeo, ha come scopo quello di avvicinare gli studenti all’Europa e al Parlamento europeo in particolare, farne conoscere il funzionamento, favorire le interazioni tra studenti e deputati europei nonché dare informazioni utili ai giovani sulle opportunità di formazione tirocinio e lavoro offerte dall’Europa per i giovani. Attraverso la rete di scuole ambasciatrici sono anche favorite le relazioni con le scuole di altri paesi europei. 

Come scuola ambasciatrice abbiamo partecipato al webinar organizzato da insieme-per.eu il 26 febbraio 2021, “Stavolta… ancora insieme-per costruire l’Europa”. L’evento, organizzato dal Parlamento europeo, è finalizzato a promuovere e rilanciare la community insieme-per.eu del Parlamento europeo. Insieme-per.eu è infatti una comunità paneuropea che promuove la partecipazione alla democrazia, anche attraverso la partecipazione politica, dando maggior risalto all’importanza del voto.

“Siamo molto felici che la nostra scuola e lo Europe Direct Trapani ci hanno dato, ancora una volta, la possibilità di conoscere ed entrare a contatto con le istituzioni europee, siamo onorati di assumere questo ruolo di ambasciatori e lo consideriamo un importante riconoscimento del lavoro fin’ora svolto per quanto riguarda la nostra attività di comunicazione e divulgazione sulle tematiche della Unione Europea.

Per il nostro team è nuova linfa cui attingere per la nostra attività di comunicazione e per la nostra scuola è un grande motivo d’orgoglio.

Buon lavoro a tutti noi!” affermano i Garibaldi’s watchers.