Home Tradizioni Corona...e fu sentenza!

Corona…e fu sentenza!

Oggi alle 14 in punto nella chiesa delle Anime Sante del Purgatorio si è tenuto un momento di preghiera con il vescovo Pietro Maria Fragnelli. La celebrazione si è conclusa con la lettura di un testo scritto da Giuseppe Vultaggio che pubblichiamo di seguito.

CORONA…E FU SENTENZA!

Son 400 anni, era il Seicento,
quand’è che prese vita, come aurora,
la processione che, con fare lento,
ancora oggi, a Trapani, dimora.

Diciotto vare, la Madonna e il Cristo
realizzate con grande maestria,
con legno, tele e con sughero misto,
con l’arte del carchet1 di casa mia.

Portate a spalla, sono venti vare2,
poggiate sulle spalle dei massari3,
concretizzate da maestranze rare,
scultori, intagliatori, artisti rari.

Artisti dal talento innato e vero
come Giuffrida, Li Muli e Pisciotta;
Lombardo i Nolfo e ancor
Beppe Cafiero
e poi Tartaglia, il Milanti e Ciotta.

Come a scontare un misterioso arcano,
al “Purgatorio” vennero allocati
la chiesa che, nel suo immenso piano,
li offre come quadri inargentati.

Sono affidati a arcaiche maestranze,
congregazioni d’arti e di mestieri,
che, rispettando religiose usanze,
li curano con sentimenti veri.

Venerdì Santo si esce in processione,
ad uno ad uno, lenti tra la gente,
raccontano, del Cristo, la Passione
in modo delicato…mestamente.

Son gli orafi ad aprir la processione,
e c’è Giovanni, insieme, con Maria,
si rappresenta la “Separazione”,
col Cristo sofferente che va via;

dei piedi, la “lavanda” si racconta,
nel gruppo ch’è affidato ai pescatori,
si vede un servo e Pietro che sormonta,
inginocchiato il Cristo, in mezzo ai fiori.

Pronti, a seguire, sono gli ortolani.
Un angelo, sul monte degli ulivi,
ha un Calice tenuto tra le mani,
gli apostoli riposano giulivi.

Il gruppo, ai metallurgici affidato,
racconta del momento dell’arresto;
Giuda ha tradito, Cristo è ammanettato,
sguaina la spada Pietro, con un gesto;

Nel mentre che al Sinedrio è accompagnato,
vicino al Cedron cade e non va avanti,
dalle due guardi viene trascinato.
La vara è affidata ai naviganti.

Il quadro, ai fruttivendoli concesso,
“Gesù dinanzi ad Hanna” rappresenta,
il Sacerdote altero, il Cristo oppresso,
la guardia con lo schiaffo lo tormenta…

La “Negazione”, gruppo dei barbieri,
parla di Pietro che, con cuore infranto,
con Cristo, nega di esser amici veri…
d’un gallo, ben tre volte, si ode il canto.

Portano, i pescivendoli, Re Erode,
dinanzi a lui Gesù viene umiliato;
un servo ride, un giudeo ne gode,
lo scriba guarda disinteressato.

Gesù a una colonna, ora, è legato
e insultato da offensivi cori
con rovi e cattiveria è flagellato.
È l’opera affidata ai muratori.

Il gruppo dei fornai avanza lento,
qui si evidenzia l’incoronazione,
viene beffato con fare irruento,
si legge in viso la rassegnazione.

La vara, che ai calzolai è affidata,
ci mette in evidenza il Cristo umano,
con lui Pilato sulla balconata
che lo presenta al popolo sovrano.

Ai macellai è affidata la “Sentenza”,
raccontano di insulti sovraumani
mentre Pilato, per pulir coscienza…
lava dinanzi al popolo le mani.

Col Cireneo procede verso il monte
ma a terra il Cristo cade ormai distrutto
mentre una donna lava la sua fronte.
Questa è la vara del popolo tutto!

Segue la vara dell’abbigliamento
che ci racconta della spogliazione
siamo al Calvario, è l’ultimo momento
che gli precede la crocifissione.

Ora è un momento di gran sofferenza,
il gruppo è quello dei maestri d’ascia,
la croce si solleva con violenza,
il corpo del “Signore” che si accascia.

Finisce Gesù Cristo la Passione,
si spengono le luci e i riflettori,
un tuono segna la Crocifissione
che viene raccontata dai pittori.

Ai sarti e tappezzieri fu affidato
un quadro amaro: la Deposizione!
Si dice fu Giuseppe che ha pagato
per dare al Cristo dignitosa unzione.

Ora al sepolcro viene accompagnato,
con volti mesti e con gli sguardi amari,
si piange con dolore il Cristo amato.
La vara è dei mastri salinari.

La massima espressione del dolore
è il viso di Gesù dentro la bara.
Sono i pastai che, con grande amore,
lo portano con cura sulla vara.

La Vara dei baristi e pasticceri
vanta il trasporto dell’Addolorata
che immensa, e avvolta nei tristi pensieri,
piange su figlio, docile e accorata.

Con lei finisce questa processione
compita con dei sacrifici veri…
Nessuno sa capirne la ragione,
per questo qui, si chiamano “Misteri”.

Però quest’anno resta tutto fermo,
silenti come al tempo del conflitto,
un fermo destinato a essere eterno
per non scordare l’urlo di un delitto.

Pare che il male…voglia far più male,
opprimere e annientare il vero amore,
seppure abbia insegnato quanto vale
un grande abbraccio dato con il cuore.

È il Santo venerdì ventiventuno
è tutto strano, sono un po’ confuso,
le vare non li alzerà nessuno,
quest’anno quel portone starà chiuso.

Non so se, come e quando,
ne usciremo
ma si conferma, qui,
una storia immensa:
una corona rossa ha messo un freno,
una corona e fu…triste sentenza!

(Giuseppe Vultaggio)

Ultime notizie in diretta

La Pallacanestro Trapani perde a Udine: play-off rinviati

Apu Old Wild West Udine vs 2B Control Trapani 67-55

Ad Erice si va verso la campagna anticendio 2021

di Mario Torrente Negli uffici comunali...

San Francesco di Paola: fede, devozione e tradizione

La vita di santità di San Francesco di Paola, e della grande devozione...

Mazara, tre nuovi diaconi permanenti in Diocesi

Lo ha reso noto il vescovo Mogavero Tre accoliti...

Salemi, prende il via l’operazione ‘Case a 1 euro’

Pubblicato il bando per 36 unità immobiliari Ha preso il...

Domani apre centro vaccinale a Buseto Palizzolo

Verranno vaccini somministrati Pfizer e Vaxzevria (AstraZeneza) Si rafforza la...

Marsala, arriva il Commissario di polizia Cannizzo

Prende il posto di Valerio Maria Bologna E' stato assegnato...

Coronavirus. Aggiornamento in Sicilia

Il bollettino giornaliero sull'andamento dei contagi Sono 1.301 i nuovi...

SITA 2021 si rivolge a professionisti ed imprenditori. Lunedì si parla di sostenibilità ambientale ed Ecobonus

Entra nel vivo la seconda settimana di SITA 2021, la serie di eventi formativi...

Altre Notizie di Oggi

Partanna, domato incendio in un deposito

Il rogo è divampato ieri pomeriggio intorno alle 17 I Carabinieri della Stazione di Partanna assieme ai Vigili del...

Torna in carcere Giuseppe Calcagno

E' indagato nell’ambito dell’operazione antimafia denominata Ermes Nuovo provvedimento restrittivo nei confronti del quarantaseienne  di origini marsalesi. Lunedì sera...

San Vito Lo Capo, provoca incidente: denunciata dai carabinieri

Protagonista della vicenda, una giovane di 24 anni I Carabinieri della Stazione di Buseto Palizzolo hanno denunciato una giovane...

Marsala, trovato coltello fuori dal Tribunale

Rinvenuto dai carabinieri. Appartiene ad una donna I Carabinieri della Compagnia di Marsala in servizio di vigilanza presso le...

Carcere di Trapani, SAPPE: “Nuova aggressione ad agente”

LA denuncia  del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Nella struttura detentiva di Trapani si conta una nuova aggressione ad appartenenti...

Triscina, ancora droga sulla spiaggia

Cinque ritrovamenti dall’inizio del 2021. Hashish abbandonato sulla spiaggia. Pacchetti di droga portati dalle onde del mare. È accaduto ancora. Questa volta...
Trapani
nubi sparse
11.7 ° C
15 °
8.3 °
94 %
0.5kmh
40 %
Dom
14 °
Lun
14 °
Mar
16 °
Mer
18 °
Gio
17 °