Un teatro che nel suo genere è un’eccellenza, ieri sera ha ospitato un’orchestra che, senza dubbio, è a sua volta un’eccellenza. Per la direzione artistica di Gianna Fratta, l’Orchestra Sinfonica Siciliana ieri sera ha aperto la 74esima stagione del Luglio Musicale Trapanese ed è stato un gran bell’ascolto. Padrona del suo suono, verrebbe quasi da dire, padrona dei suoi sentimenti, l’ensemble siciliano è di una qualità assoluta. Grande l’impasto sonoro, coinvolgenti le dinamiche. I nostri hanno un approccio all’esibizione da “sala di registrazione”: pressoché perfetto. E di alto livello è stata anche la scelta del repertorio della serata. Pensato da Gianna Fratta il concerto, che oggi sarà replicato a Palermo, ha preso il titolo di “Destini” e si ispira a La Forza del destino di Giuseppe Verdi. Notevole anche la prova dei 2 solisti: il soprano Marta Mari si è dimostrata sicura, molto ordinata e spesso ispirata nell’interpretazione. Denys Pivnitskyi, tenore, coinvolto solo due giorni addietro a causa del forfait dato per gravi motivi personali da Angelo Villari, ha retto bene l’impatto mostrandosi spesso molto coinvolto emotivamente nella performance. Insomma è stato un bel concerto, che dà il via ad una stagione nata in un momento travagliato della vita del Luglio Musicale. Ma ora è tempo di concentrarsi sul prossimo appuntamento: il 15 ed il 17 luglio in scena sarà la volta di “Tosca” di Giacomo Puccini opera coprodotta con il Teatro Coccia di Novara. Una delle opere del grande repertorio tra le più amate dal pubblico trapanese.