È crisi per il Dattilo

Terza sconfitta di fila per il Dattilo che ieri pomeriggio ha perso malamente a Licata 4 a 1.

274

di Federico Tarantino

Rotonda sconfitta per il Dattilo che ieri pomeriggio ha perso 4-1 il confronto esterno con il Licata. Una gara senza storia e sempre in salita per i biancoverdi che adesso si ritrovano con tre sconfitte consecutive, dopo le precedenti gare perse con San Luca e Paternò. Mattatore dell’incontro è stato Antonio Cannavò, autore di una tripletta con due reti realizzate su calcio di rigore. Per il Licata a segno anche Luigi Rossitto, poco dopo l’inizio del secondo tempo, nel momento migliore per il Dattilo. I biancoverdi di mister Ignazio Chianetta, poco prima della fine dell’incontro hanno segnato il gol della bandiera con il subentrante Bonfiglio. Diverse le proteste del Dattilo soprattutto sul primo calcio di rigore concesso al Licata. Anche il tecnico Campanella ha messo nel corso della conferenza stampa un tuffo di troppo del proprio attaccante. Male comunque il Dattilo, che nelle ultime settimane non riesce a trovare un giusto equilibrio nell’impostazione di gioco. Assai slegato appare il reparto offensivo con il centrocampo: gli attaccanti hanno poche palle gol e non riescono ad essere pericolosi in fase di attacco. Una leggera reazione il Dattilo l’ha avuta nel secondo tempo, quando sotto 1 a 0 e inserendo Manfré la formazione biancoverde ha colpito anche il palo. Nel momento migliore della squadra del presidente Mazzara è giunto il secondo gol, che di fatto ha spento ogni speranza per il match che ha visto poi dilagare i padroni di casa con il 4 a 1 finale.