Home Attualità I segreti del Crocifisso Miracoloso di San Domenico

I segreti del Crocifisso Miracoloso di San Domenico

Secondo la leggenda il Crocifisso Miracoloso custodito nella chiesa di San Domenico sarebbe stato scolpito da San Nicodemo, il discepolo che assieme a Giuseppe D’Arimatea seppellì il corpo di Gesù Cristo. Sono tante le storie che si narrano su questo antichissimo Crocifisso, secondo la tradizione arrivato a Trapani nel 1200 dalla Palestina con i padri Domenicani. Al suo interno, sotto il costato, si dice che ci sarebbe una reliquia della passione di Cristo, conservata proprio una fessura ricavata nel legno. Quando venne esposto a Torino assieme alla Sindone, grazie alle moderne tecnologie venne individuata una cavità all’altezza dell’addome, proprio come si tramanda da secoli.

Il Crocifisso Miracolo custodisce tanti segreti e secoli di storia che dall’oriente, forse proprio dalla Terra Santa, lo hanno portato a Trapani nel periodo in cui la città era crocevia di crociati. Non a caso nella chiesa di San Domenico c’è una cappella, la cappella dei crociati, con una finestra orientata verso Gerusalemme. In questa antichissima chiesa, costruita nel punto più alto di Trapani, sono sepolti i sovrani di Navarra, Teobaldo e Isabella, oltre che il figlio di re Federico II, il piccolo Manfredi morto in città dopo essere caduto da cavallo nel novembre del 1317. Aveva undici anni. Il sarcofago, dove da settecento riposa il bambino, si trova nella parte destra dell’altare centrale. Insomma, qui c’è davvero tanta storia vera, da raccontare e scoprire, anche per gli stessi trapanesi, che dovrebbero avere più consapevolezza del grande patrimonio cultuale della città in cui sono nati. Anticamente, nei momenti difficili, i loro antenati andavano a chiedere aiuto proprio a quel Crocifisso in legno che raffigura il Cristo già morto. Ma che da sempre è immagine di speranza e vita.

Già, perché in caso di pestilenza o carestia il Crocifisso veniva portato in processione per le vie della città. E accadeva che la pestilenza andava via, come avvenuto nel 1524, quando si narra che cominciò a sanguinare dal costato. O che inaspettatamente arrivava il frumento, come durante la carestia del 1672 che in Sicilia uccise centomila persone. Ma a Trapani, mentre che il Crocifisso era in processione, entrarono in porto due navi cariche di frumento che sfamarono la popolazione, ormai allo stremo. Qualche decennio prima, nel 1624, accade pure che una donna cieca acquistò la vista dopo essersi passata negli occhi un fazzoletto unto con l’olio che alimentava la lampada del Simulacro.

Ma l’episodio più famoso, quello per cui è conosciuto come Crocifisso Miracoloso, è quello del bambino Rocco. Era il 1641. Questa vicenda venne attestata da un notaio e dal vescovo di Mazara. Allora la Diocesi di Trapani non esisteva. Il racconto narra di un bambino, con i morsi della fame nello stomaco, che chiese del pane a sua madre. La donna, non avendo cosa dargli per sfamarlo, gli disse di andare a chiedere del pane al Crocifisso che stava nella chiesa di San Domenico. E così fece il piccolo Rocco, che dopo esserci inginocchiato in preghiera ricevette il pane proprio dalla mano di Gesù. Tornato a casa e mostrato quel pane morbido e profumato alla madre, in città si sparse subito la voce di quel prodigio. Ed una volta entrati a San Domenico, le persone accorse in chiesa si accorsero che il braccio destro di Gesù era schiodato dalla Croce, con la mano rivolta verso il basso. E si gridò al miracolo. Da allora il Crocifisso rimase con l’appellativo di “miracoloso”.

Mario Torrente

GUARDA IL SERVIZIO ANDATO IN ONDA NELLA PAGINA DELL’APPROFONDIMENTO DEI TG DI TELESUD

Ultime notizie in diretta

La Pallacanestro Trapani perde a Udine: play-off rinviati

Apu Old Wild West Udine vs 2B Control Trapani 67-55

Ad Erice si va verso la campagna anticendio 2021

di Mario Torrente Negli uffici comunali...

San Francesco di Paola: fede, devozione e tradizione

La vita di santità di San Francesco di Paola, e della grande devozione...

Mazara, tre nuovi diaconi permanenti in Diocesi

Lo ha reso noto il vescovo Mogavero Tre accoliti...

Salemi, prende il via l’operazione ‘Case a 1 euro’

Pubblicato il bando per 36 unità immobiliari Ha preso il...

Domani apre centro vaccinale a Buseto Palizzolo

Verranno vaccini somministrati Pfizer e Vaxzevria (AstraZeneza) Si rafforza la...

Marsala, arriva il Commissario di polizia Cannizzo

Prende il posto di Valerio Maria Bologna E' stato assegnato...

Coronavirus. Aggiornamento in Sicilia

Il bollettino giornaliero sull'andamento dei contagi Sono 1.301 i nuovi...

SITA 2021 si rivolge a professionisti ed imprenditori. Lunedì si parla di sostenibilità ambientale ed Ecobonus

Entra nel vivo la seconda settimana di SITA 2021, la serie di eventi formativi...

Altre Notizie di Oggi

Partanna, domato incendio in un deposito

Il rogo è divampato ieri pomeriggio intorno alle 17 I Carabinieri della Stazione di Partanna assieme ai Vigili del...

Torna in carcere Giuseppe Calcagno

E' indagato nell’ambito dell’operazione antimafia denominata Ermes Nuovo provvedimento restrittivo nei confronti del quarantaseienne  di origini marsalesi. Lunedì sera...

San Vito Lo Capo, provoca incidente: denunciata dai carabinieri

Protagonista della vicenda, una giovane di 24 anni I Carabinieri della Stazione di Buseto Palizzolo hanno denunciato una giovane...

Marsala, trovato coltello fuori dal Tribunale

Rinvenuto dai carabinieri. Appartiene ad una donna I Carabinieri della Compagnia di Marsala in servizio di vigilanza presso le...

Carcere di Trapani, SAPPE: “Nuova aggressione ad agente”

LA denuncia  del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Nella struttura detentiva di Trapani si conta una nuova aggressione ad appartenenti...

Triscina, ancora droga sulla spiaggia

Cinque ritrovamenti dall’inizio del 2021. Hashish abbandonato sulla spiaggia. Pacchetti di droga portati dalle onde del mare. È accaduto ancora. Questa volta...
Trapani
nubi sparse
11.7 ° C
15 °
8.3 °
94 %
0.5kmh
40 %
Dom
14 °
Lun
14 °
Mar
16 °
Mer
18 °
Gio
17 °