Le Tre Domande della Domenica a Rossella Cosentino

L'intervista all'assessore al Comune di Erice Rossella Cosentino

222

Assessore Rossella Cosentino, la sua lista, “Insieme per Erice” ha avuto una buona affermazione alle amministrative dello scorso 12 giugno. Portate in Consiglio comunale due assessore e sarete anche presenti della giunta della seconda sindacatura di Daniela Toscano. Avete di che ritenervi soddisfatti. E questo si può considerare come un suo risultato, visto che si è spesa in prima persona per la predisposizione di questa lista.

Formare e tenere unita una lista di 16 candidati credibili e spendibili è cosa molto complicata, dispendiosa in termini di tempo e di energie. E certamente la mia breve (meno di 2 anni) esperienza politico-amministrativa in seno alla giunta della sindaca Toscano, non mi ha fornito le armi politiche necessarie e sufficienti per cimentarsi in una operazione del genere. Proprio per questo ritengo il risultato da noi ottenuto con “Insieme per Erice” estremamente soddisfacente. Va da se che un risultato del genere lo si raggiunge solo se si è supportati da una squadra determinata e convinta, che crede realmente nel progetto politico a monte della formazione della lista e della mia stessa candidatura, che trova le sue origini nel movimento Erice che Vogliamo. Ed io non finirò mai di ringraziare le persone che hanno creduto in me, mi sono state vicine e che mi hanno supportato e sopportato in quelle settimane di campagna elettorale.

Durante la campagna elettorale si è parlato molto di assicurare continuità amministrativa per portare a compimento il lavoro iniziato. Praticamente in carica c’è quasi tutta la precedente giunta. Quali saranno i principali punti che vi vedranno impegnati nei prossimi mesi?

Il primo punto all’ordine del giorno, almeno per quanto concerne il mio assessorato, è certamente l’assegnazione in gestione dell’impianto “Giardino dello Sport”, intitolato a Falcone e Borsellino. L’ex Campo Bianco, per intenderci.
Una struttura appena completata, che costituisce un’eccellenza assoluta in provincia, e il cui affidamento non sarà un passaggio semplice, in quanto le dimensioni e la varietà dell’offerta dell’impianto esigono che a gestirla siano figure molto competenti e strutturate. Per il resto continueremo il lavoro di recupero degli immobili sportivi presenti sul territorio ed ancora in disuso, oltre a proseguire con la buona pratica della valorizzazione dell’associazionismo sportivo, che tante soddisfazioni ci ha dato nel pur breve periodo di mio assessorato precedente. E proprio in questo ambito sarà fondamentale istituzionalizzare e calendarizzare tutte quelle manifestazioni sportive di ordine ciclistico, podistico e aumobilistico che la scorsa primavera hanno colorato e vivacizzato Erice sia in cime che a Valle. ( Dalla Gran Fondo alla 100 Km..da Vivicittà allo Slalom alla Cronoscalata Monterice etc..)

Come sarà impostata la stagione turistica ad Erice? Tornerà la Erice Card? La programmazione estiva quando sarà presentata?

Il calendario delle attività previste per l’intrattenimento estivo è già in atto. Dalla metà di giugno abbiamo inaugurato la mostra “Il Vittoriale a Erice. D’Annunzio, de Chirico, Sciltian” da un’idea di Giordano Bruno Guerri e Lorenzo Zichichi con un incontro previsto ad agosto con Vittorio Sgarbi, poi abbiamo inaugurato il percorso delle colombe dello Studio PLS che dal castello di Venere attraversa il Balio fino a raggiungere la Torretta Pepoli, in cui grandi nomi dell’arte internazionale stanno lavorando per trasformarla nella Torretta della Pace, Faro sul Mediterraneo, tema particolarmente attuale in Europa in questo momento. La mostra del Vittoriale porta per la prima volta in Sicilia un pezzo della magnifica residenza del Vate, e ci consente di immergerci nel suo mondo. Iniziative che stanno riscuotendo un incoraggiante successo di pubblico, costituito, questo, in gran parte da turisti stranieri. Purtroppo la presentazione del programma si è svolta nel bel mezzo della campagna elettorale e per motivi di opportunità e di tempo non abbiamo potuto dare vita alla campagna di comunicazione che la nostra offerta avrebbe meritato. Ma, state tranquilli, la stagione culturale a Erice è lunga e le mostre inaugurate fin qui saranno visitabili fino a novembre. Mentre i grandi appuntamenti con la musica sono ancora tutti da venire e sono di livello assoluto. Tre nomi su tutti: Noa, Giovanni Sollima e Salvo Piparo. Due musicisti e un cantastorie che non necessitano di alcuna presentazione. Anche in questo campo il mio assessorato conta di continuare a promuovere le collaborazioni con le associazioni. Gli Amici della Musica di Palermo, ad esempio, sono stati partner fondamentali per avere ad Erice i tre artisti sopracitati, mentre con gli Amici della Musica di Trapani daremo vita per il secondo anno consecutivo al Festival internazionale di Musica Antica. Quest’anno la manifestazione si arricchirà della “Scuola di Musica Antica” che per una settimana vedrà giovani musicisti di tutta Europa studiare gomito a gomito ad Erice. Ovviamente centrale nella formulazione dell’offerta estiva di Erice resta la sinergia con la Fondazione EriceArte e con la Fondazione Ettore Maiorana che quest’estate permetterà al pubblico di assistere ai principali simposi scientifici tenuti in vetta dai più grandi luminari del mondo. Rientra in questa ottica l’incontro tra il pubblico ed il Premio Nobel Gerardus ‘t Hooft svoltosi la scorsa settimana. Oltre alle manifestazioni inserite nel programma di Ericèstate2022 già distribuito e pubblicato, fra cui il Premio Letterario e l’anteprima al Ciclope dello spettacolo su Van Gogh che andrà poi in scena a Segesta, Catania, Naxos, Lipari, eccezionale l’appuntamento in agosto col Conservatorio Santa Cecilia di Roma che offrirà ogni sera per una settimana concerti nelle chiese di Erice. Altra novità assoluta di questa stagione sarà la partecipazione al Festival della Bellezza che a Erice vedrà l’incontro con Umberto Galimberti, sono, poi, confermate tutte le maggiori manifestazioni già in essere lo scorso anno, da Photography Urban Street Art alla Federicina, all’intrattenimento per i più piccini con gli artisti di strada di Teatro Atlante che animeranno il mese di settembre e tanto altro ancora, mentre per quanto riguarda la Erice Card posso dirvi che è già tornata, più forte e capillare di prima, e più ricca di vantaggi per chi la acquista. Al costo di soli 8 euro è possibile acquistarla sul sito online, all’info point di Porta Trapani grazie alla collaborazione con la Pro loco di Erice così come nei siti culturali del nostro sistema integrato che includono Polo Museale Cordici, Castello di Venere, Centro Wigner -San Francesco e al San Domenico – Blackett e presto anche la Torretta Pepoli.
In chiusura non mi resta che invitarvi tutti ad Erice, a vivere una qualunque delle nostre iniziative e, soprattutto, l’impagabile atmosfera che solo Il Monte sa regalare. Erice vi accoglierà a braccia aperte.
Buona estate a tutti!🌈

Ma.To.