Si celebra la “Giornata della memoria e dell’accoglienza”. I Vigili del Fuoco a Lampedusa

76

Il 3 ottobre del 2013, a largo dell’isola di Lampedusa, annegavano 368 persone, tra uomini, donne e bambini a largo della nota spiaggia “dei Conigli”, ogni anno presa d’assalto da migliaia di turisti. Questa mattina, dopo 7 anni, nel ricordo di quella immane tragedia, i Vigili del Fuoco di Lampedusa, insieme alla Guardia di Finanza ed alla Guardia Costiera, alla presenza delle autorità civili, religiose e militari, hanno partecipato alle celebrazioni della “Giornata della memoria e dell’accoglienza”, organizzata dal “Comitato 3 ottobre”. Dopo aver raggiunto a piedi il simbolo dell’accoglienza, nota come “Porta d’Europa”, è stata deposta una corona di fiori in mare, nel luogo del naufragio. Le celebrazioni in mare sono durate circa un’ora e sono state vissute con particolare intensità emotiva, nel ricordo delle operazioni di recupero delle salme effettuate a quasi 50 metri di profondità dai Sommozzatori dei Vigili del Fuoco, giunti sul posto da tutta la Sicilia, dalla Calabria ed anche da altre regioni italiane.