Agenti della Polizia Stradale di Alcamo e del Distaccamento Polizia Stradale di Castelvetrano nel pomeriggio di ieri, lungo l’autostrada A/29, in direzione Palermo, hanno sequestrato circa 800 ricci di mare raccolti nelle acque del litorale mazarese. I ricci e l’attrezzatura da sub erano a bordo di una autovettura con due persone a bordo, dirette a Palermo. L’attrezzatura da immersione, maschere, pinne e soprattutto tre bombole con i rispettivi erogatori, è stata sottoposta a sequestro amministrativo finalizzato alla successiva confisca. Ai due responsabili sono state elevate sanzioni amministrative per un totale di circa 2000 euro. Gli agenti hanno richiesto l’intervento del veterinario del distretto ASP di Alcamo che ha accertato lo stato vitale del pescato, quindi gli 800 ricci sono stati consegnati al personale della Capitaneria di porto di Mazara del Vallo che li ha rilascio in mare restituendoli al loro habitat. L’operazione rientra nell’ambito delle attività svolte dalla Polizia Stradale, per reprimere la pesca abusiva ed il trasporto del pescato verso Palermo, verosimile luogo di destinazione finale.