Alluvione a Trapani, aggiornamento sugli interventi effettuati

641

Il Sindaco di Trapani Giacomo Tranchida, come di già anticipato venerdì notte in concomitanza con la bomba d’acqua – successiva all’alluvione del 26 settembre –  ha firmato l’ordinanza contingibile ed urgente con la quale si prevedono una serie di interventi straordinari volti a verificare immediatamente lo stato di residua funzionalità di fognature e condotte acque bianche anche alla luce dei sopravvenuti e dannosi eventi alluvionali dei giorni scorsi. In particolar modo, mediante sonde e videoispezioni, sono state già controllate prioritariamente via Marsala e traverse nord e sud, via G.B. Fardella e traverse nord e sud, Corso Piersanti Mattarella e traverse nord e sud, via Conte Agostino Pepoli e traverse nord e sud, Piazza Martiri d’Ungheria e traverse, via Virgilio e traverse nord e sud, via Mazzini e traverse est e ovest, via Canale Scalabrino, via Bastianini, Via Tenente Alberti nel tratto compreso tra la Via Giardinetto e la Via Canale Scalabrino, Via Orti e traverse est e ovest, via Ammiraglio Staiti nel tratto fronte Caserma VV.FF., Rione Cappuccinelli (via Tenente Giannitrapani e ambiti correlati), via Marconi incrocio con via Villa Rosina, via Libica incrocio via Capitano Sieli, via Convento San Francesco di Paola e relativo slargo. Gli interventi sono ancora in corso. Per tutte le altre zone non riportate in elenco, l’amministrazione comunale ha assicurato che sono sarà tralasciata alcuna arteria. Lo sforzo del Comune di Trapani, che certamente sarà estremamente dispendioso in termini economici, si è reso non più rinviabile in seguito ai danni purtroppo riportati in alcune sezioni delle già precarie infrastrutture di rete comunali a causa dell’evento alluvionale di lunedì 26 settembre, che tanti danni ha anche procurato a privati ed attività commerciali travolti dall’acqua e dal fango. 

Ed intanto oggi il Sindaco Tranchida sarà a Palermo per accelerare sullo “stato di calamità naturale”.

Dai primi controlli effettuati, che hanno confermato come le principali caditoie fossero pulite, sono emerse criticità solo in via Vespri dove si è registrato un crollo interno della rete acque bianche. Nel pomeriggio di ieri sono poi stati effettuati interventi nei pressi del Centro comunale di raccolta alla litoranea mediante videoispezione, registrando parziale occlusione alla condotta a mare a causa di maree sabbiose,  al pari della zona del porto peschereccio. Per oggi sono poi previste, importanti verifiche in Via Marsala e zona di Piazza Malta. Riparazioni stradali effettuate anche intorno alla statua di Garibaldi alla marina, mentre nei prossimi giorni un intervento sarà necessario dietro le poste centrali, che porterà alla chiusura della strada. In presenza di gravi ostruzioni e di condotte “crollate” si procederà rompendo le strade ed intervenendo in maniera risolutiva. In tale direzione ennesima ordinanza del sindaco Tranchida inibisce la balneazione raddoppiando a 300 metri lo specchio acqueo antistante la zona del CCR – pennello a mare sul lungomare.
E sempre ieri, si è riunito il tavolo di crisi comunale, durante il quale il Sindaco Tranchida ha annunciato una nuova riorganizzazione interna per essere immediatamente pronti in caso di gravi calamità, precettando il personale e dividendo svariati compiti sia a tecnici comunali che agli Assessori onerati di responsabilità anche politica. Da Palazzo D’Alì hanno quindi tenuto a rimarcare gli sforzi che l’amministrazione comunale sta compiendo in questa triste circostanza al fine di recuperare i ritardi circa la manutenzione di alcune condotte, letteralmente colabrodo. Le spese, che non mancheranno, serviranno al fine di garantire sicurezza e maggiore serenità in primis a chi, in questi ultimi giorni, ha subito gravi danni. 

Intanto il sindaco Tranchida sarò a Palermo, accompagnato dall’ing Loria, esperto a titolo gratuito del Comune, per partecipare ad un vertice sul fronte procedura “riconoscimento stato calamità naturale”.