Daidone lancia l’allarme sul trasporto dei soggetti Covid

392

La consigliera ericina con una lettera ai primi cittadini dell’agro ercino attenziona le ambulanze medicalizzate

La consigliera comunale di Erice  Carmela Daidone ha inviato nei giorni scorsi una nota ai sindaci di Trapani, Erice, Paceco, Valderice e Buseto Palizzolo invitandoli a mobilizzarsi per una rapida risoluzione delle problematiche legate al trasporto dei soggetti COVID. Attualmente vengono impiegate le ambulanze medicalizzate del 118 sottraendole ai normali servizi di emergenza. Un uso improprio e ingiustificato, secondo Daidone “visto che il presidio ospedaliero del S. Antonio Abate è dotato di mezzi e personale,  che potrebbe essere utilizzato a tal proposito”.
“È alquanto grave – scrive la consigliera ericina – che per il trasporto dei pazienti Covid  e sospetti positivi vengano utilizzate le due uniche ambulanze medicate , la 46, unico mezzo con medico rianimatore, e la 55, sottraendole all’indispensabile  servizio di emergenza che dovrebbe coprire  il territorio di Trapani comprese le lontane frazioni, il territorio ericino, di  Paceco,  di Valderice e degli altri Comuni limitrofi”. La Daidone aveva inoltrato la nota anche ai vertici dell’Azienda Sanitaria ed all’assessore regionale Ruggero Razza per segnalare la problematica e chiedere, se necessario, un immediato intervento del governo regionale.