Home Politica FuniErice, ecco perché si pensa ad un Amministratore Unico

FuniErice, ecco perché si pensa ad un Amministratore Unico

Le spiegazioni del Libero Consorzio dei Comuni e della sindaca di Erice, però, non trovano il gradimento del circolo locale del movimento “Diventerà Bellissima”

La nota è firmata dai due soci, cioè dalla sindaca di Erice Daniela Toscano e dal commissario straordinario del Libero Consorzio Comunale di Trapani, Raimondo Cerami. E, a giorni dalle iniziali prese di posizione della consigliera ericina Simona Mannina e, oggi, del coordinatore del movimento politico “Diventerà Bellissima”, avvocato Vincenzo Maltese, provano a fare chiarezza sulle modifiche allo statuto della Funierice.
“Queste – scrivono Toscano e Cerami – nascono dall’esigenza anzitutto tecnica di adeguamento normativo, prendendo spunto principalmente dalla recente declinazione fatta dalla magistratura contabile dell’istituto del “controllo analogo congiunto”. È il frutto di una intesa totale con il Libero Consorzio Comunale di Trapani che ha promosso le modifiche”.
I due Enti proprietari della Funerice sottolineano che la stessa è una società totalmente pubblica e che, quindi, va gestita come un qualsiasi altro servizio pubblico. Sulla stessa gli organi politici democraticamente eletti esercitano il controllo tipico connesso al proprio ruolo, inteso come controllo (e non gestione) sull’attuazione del programma di mandato per il quale i cittadini hanno espresso il voto.
“In tale ottica – precisano Toscano e Cerami – legittimamente la Pubblica Amministrazione, rappresentata dal Libero Consorzio comunale di Trapani e dal Comune di Erice, nell’interesse pubblico generale promuovono ogni iniziativa utile a rendere effettivo il controllo sul servizio pubblico. Per questo motivo si ritiene necessario rivedere la governance della Funierice, visto che il modello attuale, sempre ideato e autorizzato dai soci nel 2017, si presenta sovradimensionato, ridondante e autoreferenziale, con un ruolo che la legge non gli attribuisce. È stato previsto quindi un amministratore unico che risponde direttamente del suo operato all’Assemblea dei Soci, mentre gli organi amministrativi della società risponderanno del loro operato all’Amministratore Unico”.

Secondo l’ex Provincia e il Comune di Erice, le modifiche proposte, inoltre, hanno l’obiettivo di migliorare e semplificare il processo di perseguimento degli obiettivi di efficientamento, razionalizzazione e riduzione della spesa pubblica, oltre a quello, altrettanto cruciale, di garantire la stretta inerenza della società alle finalità istituzionali degli enti proprietari controllanti, che deve essere sempre riconducibile alle funzioni esercitate dai soci.

Ma le spigazioni ufficiali fornite da FuniErice e Libero Consorzio non vanno giù al referente del circolo di Trapani ed Erice del Movimetno Diventerà Bellissi, avvocato Vincenzo Maltese.
“Le precisazioni dei due rappresentanti legali degli Enti Pubblici – afferma Maltese – sono un capolavoro di comunicazione ma, nel contenuto, risultano insoddisfacenti e surreali rispetto al merito delle questioni di legittimità giuridica e amministrativa che sono state rilevate dal nostro movimento”.
Maltese, quindi, invita la sindaca di Erice e il commissario straordinario del Libero Consorzio a dichiarare quale sia il vero progetto politico e cosa si vuole fare della Funierice.

Ecco, integralmente, le contrapposizioni del Movimento Diventerà Bellissima.

Primo: la richiamata esigenza tecnica di adeguamento dello statuto per motivi “normativi”, legati alla recente declinazione della Corte dei Conti sull’istituto del “controllo analogo”, fa riferimento ad una sorta di manuale che richiama concetti già introdotti dalla normativa di settore (D. Lgs. 175/2016), e che come già detto sono già presenti nello statuto vigente di Funierice. Siamo quindi di fronte ad una motivazione pretestuosa e priva di fondamento.

Secondo: il dott. Cerami e la sindaca di Erice, affermano che, soltanto nel 2017 i due Enti Pubblici hanno modificato lo statuto della Funierice, per adeguarlo alle norme del Testo Unico, prevedendo una governance “sovradimensionata, ridondante e autoreferenziale” non prevista dalla legge. Tutto ciò appare incredibile, perchè vuol dire che la governance che ieri è stata approvata dagli stessi soci, oggi non va più bene poiché illegittima! Siamo certi che non lo sia l’attuale modifica?

Terzo: i due soci forniscono una soluzione per “snellire” la governance della FuniErice; dichiarano di avere previsto “un Amministratore Unico che risponde del suo operato all’assemblea mentre gli organi amministrativi della società risponderanno del loro operato all’Amministratore Unico”. Ebbene anche tale affermazione appare anch’essa illogica considerato che l’attuale statuto già prevede la possibilità di nominare quale organo amministrativo della Funierice un Amministratore Unico. Mi chiedo: Forse l’attuale Consiglio di Amministrazione non risponde del proprio operato dinanzi l’assemblea dei soci? Forse “gli organi amministrativi” cui si fa riferimento (il Direttore Generale, unico dipendente amministrativo) esprimono pareri di congruità economica e amministrativa che danno fastidio?

Quarto: i due soci concludono rappresentando che le modifiche proposte sono finalizzate a migliorare il raggiungimento degli “obiettivi di efficientamento, razionalizzazione e riduzione della spesa pubblica”. Resto basito! come si vorrebbe razionalizzare e ridurre la spesa pubblica della FuniErice? Tagliando la figura del Direttore Generale vincitore di concorso e dirigente a tempo indeterminato della società? Prevedendo comunque nella versione statutaria proposta un Consiglio di Amministrazione con tre componenti, qualora non si raggiunga l’accordo sulla nomina dell’Amministratore Unico? Confermando l’OIV (organismo indipendente di vigilanza) con una composizione di tre componenti anziché prevedere un organo monocratico?

Ultime notizie in diretta

Difesa Aerea: caccia Eurofighter intercettano un velivolo civile che aveva perso il contatto radio

Nella mattinata di oggi due caccia intercettori Eurofighter del 18° Gruppo del 37°...

C’è allerta meteo gialla

La Protezione Civile ha diramato una allerta meteo gialla per la provincia di...

Verso il ritorno della Ztl a Trapanni: fino a giugno non si paga il suolo pubblico

A Trapani si va verso la riattivazione sperimentale della ZTL, con azioni a...

Ente Luglio Musicale Trapanese, il botta e risposta fra Lo Curto e Tranchida

La parlamentare regionale risponde all'appello lanciato nei giorni scorsi da alcuni orchestrali che...

Festivalflorio: per la prima volta a Favignana MUSICA NUDA in concerto

Per la prima volta a Favignana arriva, ospite del Festivalflorio, il duo musicale composto...

Lo Sportello Antiracket ha incontrato il Questore di Trapani

Continuano gli incontri istituzionali dello Sportello Antiracket di Trapani. Ieri,...

Marsala: altro importante passo avanti per la realizzazione dell’Asilo Nido di contrada Bosco

Altro importante passo in avanti nell’iter burocratico per la realizzazione dell’Asilo Nido di...

Un nuovo defibrillatore semiautomatico di nuova generazione donato a Marsala

Un nuovo defibrillatore semiautomatico di nuova generazione, il settimo, verrà donato, come accade...

Tutto pronto per il 25 aprile a Marsala

Il 76esimo anniversario della Festa della Liberazione verrà celebrato domenica prossima, 25 aprile,...

Altre Notizie di Oggi

Misure anticovid e sanzioni. Festa privata a Pantelleria

I Carabinieri della Stazione di Pantelleria hanno attivato una serie di controlli per la verifica del rispetto della normativa di contenimento della...

Controlli anti Covid da parte dei carabinieri

Interventi a Calatafimi Segesta Controlli dei carabinieri sul rispetto delle disposizioni anti Covid-19 a Calatafimi Segesta. I militari...

Denise, la Procura di Marsala riapre le indagini

Che fine ha fatto Denise Pipitone? I magistrati tornano ad indagare Una notizia coperta dal massimo riserbo ma che...

Identificate le vittime dell’incidente

Si tratta di Salvatore Vultaggio e Salvatore Esposito, entrambi trapanesi Identificate le persone decedute nel drammatico incidente stradale verificatosi...

Incidente mortale sulla A29: ancora sconosciuta l’identità delle vittime

Una fine terribile. Hanno provato in ogni modo ad abbandonare l'abitacolo dell'auto avvolta dalle fiamme, senza purtroppo riuscirci. Sono morti così i...

Non rispetta il divieto di avvicinamento e viene denunciato

Protagonista della vicenda un uomo di 43 anni I Carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia di Castelvetrano, in conclusione...
Trapani
poche nuvole
15.7 ° C
18.3 °
13.9 °
88 %
2.1kmh
20 %
Ven
17 °
Sab
17 °
Dom
19 °
Lun
19 °
Mar
21 °