Le regine del turismo trapanese su Google

La Media mensile di ricerche Google 2022. Nella graduatoria ci sono anche Selinunte, Scopello, Segesta, Mozia, Alvamo Marina e Triscina.

2656

E’ di pochi giorni fa la notizia pubblicata su IlSole24ore che vede San Vito Lo Capo tra i primi 5 comuni in Italia (sotto i 5.000 abitanti) per numero di ricerche su Google.

Il passaggio successivo è stato porsi la domanda: quanto sono cercate su Google le principali località turistiche della provincia di Trapani?

La risposta è in uno studio realizzato dal Dr. Rino Candia, ideatore di www.villaggiosicilia.eu Portale delle vacanze in provincia di Trapani. Sono stati utilizzati dei tools forniti da Google Ads e si è limitata alle principali località turistiche.

Nel podio della classifica della media mensile delle ricerche su Google nel 2022 c’è al primo posto San Vito lo Capo, con 201 mila click, seguito da Favignana a 165 mila. Al terzo posto, in ex aequo, ci sono Erice e Castellammare del Golfo a 90 mila e 500 ricerche su Google. Nella graduatoria ci sono quindi Selinunte e Scopello (60.500 click sul noto motore di ricerca), Segesta (40.500), Mozia (10.200), Alcamo Marina (8.100) e Triscina (6.600).

I dati rispecchiano all’incirca anche la classifica delle presenze turistiche in queste località e sono importanti perché indicano sia il grado di notorietà di una località sia quanto le persone “sono spronate” dalle attività di promozione al punto da cercare informazioni su Google.

Come dichiara il Dr. Candia “se le persone cercano su Google una determinata località non è soltanto perché è nota, ma perché gli viene continuamente rinfrescata la memoria tramite iniziative di ampia risonanza e con una comunicazione efficace e costante. Un po’ come la Coca-Cola, che è il brand più noto al mondo ma non smette mai di investire in promozione. Voglio anche pensare di aver dato un piccolo contributo al risultato a livello nazionale di San Vito Lo Capo, con 1.580.000 messaggi pubblicitari pubblicati nel 2022 in prima pagina di Google”.

Ormai gli strumenti statistici per individuare la provenienza e le preferenze dei potenziali turisti che effettuano ricerche web è diventato fondamentale per un approccio scientifico alla promozione del territorio.