Incendio a Monte Sparagio: devastati molti ettari di macchia mediterranea

202

di Mario Torrente

Monte Sparagio è tornato a bruciare nuovamente. Un vasto incendio è divampato ieri pomeriggio nel versante che guarda verso Buseto Palizzolo, nel lato rivolto verso verso la montagna di Inici. Sul posto sono intervenute diverse squadre delle Forestale ed i volontari della associazione di Protezione Civile Sos Valderice. Impegnati nelle operazioni di spegnimento anche due canadair e l’elicottero della Forestale Falco 3. A quanto pare l’incendio sarebbe divampato dalle pendici montagna per poi risalire dalle Rocche Rosse e raggiungere quasi la vetta dello Sparagio, che con i suoi oltre 1100 metri rappresenta la cima più alta della provincia di Trapani.

L’incendio e stato spento in una collaborazione tra distaccamento forestale di Castellammare e quello di Erice. Monte Sparagio ha bruciato per quasi 10 ore, con alte colonne di fumo che si alzavano dalla sua cima quasi fosse un vulcano. Il rogo, divampato attorno a mezzogiorno, è stato del tutto domato attorno alle 22. Il commissario Nicola Cardile del Distaccamento di Castellammare del Golgo ha coordinato l’intervento aereo mentre Gioacchino Barbera, comandante del Distaccamento di Erice, ha seguito l’intera operazione di bonifica per evitare il divampare di altri focolai. Diversi gli ettari di macchia mediterranea bruciati, con molti pini e lecci andati a fuoco.