Trapani ed Erice un solo Comune: si rinnova il direttivo del comitato

600

Nuovi volti e nomi per dare più vigore all’iniziativa che punta all’unificazione dei Comuni di Trapani ed Erice

Cinque cambi sostanziali, quelli che sono stati ufficializzati dal Presidente del comitato promotore, Salvatore Aleo, e dal vicepresidente Orazio Mistretta. Un rinnovamento nelle cariche e nei ruoli che, però, ha suscitato qualche polemica da parte dei cinque sostituiti i quali hanno inviato una nota alla nostra redazione per specificare meglio i motivi che li hanno portati a lasciare il comitato “Trapani-Erice, una sola città”.
Comitato che, nel frattempo, continua a raccogliere le firme per sottoporre alla Regione Siciliana la possibilità di indire un referendum cittadino che possa consentire ai trapanesi ed agli ericini di esprimersi in merito alla fusione dei due Comuni. Ecco le dichiarazioni rilasciate oggi da Aleo e Mistretta

E questa, invece, è la nota fattaci pervenire dai cinque dimissionari:

Gentile Direttore, attraverso un’intervista andata in onda in data odierna su TG Sud, dalle parole della governance del Comitato Trapani Erice una città, sarebbe emerso che gli scriventi si sarebbero dimessi dallo stesso per non meglio precisate ragioni di carattere personale e/o familiare. Ci duole evidenziare come simili affermazioni non corrispondono a verità, dal momento che, come rassegnato nelle rispettive lettere di dimissioni e, quindi, noto agli interessati, il passo indietro si è reso, al contrario, necessario per la non condivisione delle linee strategiche adottate per il perseguimento dello scopo. Non è stato, peraltro, comunicato nulla alla stampa per non intralciare le attività dello stesso, cui rimaniamo íntimamente legati. Confidando in una sua diffusione, si rassegna la presente a tutela della verità e del buon nome di tutti i soggetti coinvolti”.
Prof. Calogero Accardo
Giusy Bonomo
Ezio Ricevuto
Vito Callotta
Avv. Giancarlo Pocorobba