Salemi non è più zona rossa

225

Zero casi di positività al coronavirus. La cittadina guidata dal sindaco Venuti non è più a rischio.

Negativizzati anche i tamponi degli ultimi 2 pazienti che risultavano ancora positivi. Il dato è stato fornito dall’Azienda sanitaria provinciale di Trapani all’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Domenico Venuti. La fase dell’emergenza epidemiologica a Salemi si chiude quindi con 24 guarigioni e un decesso.

Sono state settimane difficili per la città ma Salemi è riuscita a venirne fuori grazie anche al lavoro dell’Asp che ha dato un valido sostegno attraverso il suo dipartimento di Prevenzione, e all’impegno di tutti i salemitani che sono stati capaci di mettere in campo disciplina di comportamento e un grande spirito di solidarietà reciproca.

Il risultato raggiunto è merito di tutti, adesso bisogna continuare con i comportamenti responsabili per evitare di tornare indietro tenendo alta la guardia.

Il sindaco di Salemi ringrazia “tutti coloro i quali si sono spesi in prima persona con il proprio lavoro nella gestione dell’emergenza”. Venuti poi aggiunge: “In questi giorni ho visto una comunità unita, in cui tanti hanno teso la mano a chi ne aveva bisogno. L’unità d’intenti ha pagato e adesso bisogna rimanere uniti per affrontare un’altra pagina complicata, quella delle difficoltà economiche. Ci sarà da lavorare tutti insieme per la fase della ricostruzione. Imprenditori, forze politiche, attori sociali e semplici cittadini dovranno remare tutti dalla stessa parte – prosegue il sindaco di Salemi -. Le prime misure approvate a livello statale e regionale rappresentano dei piccoli segnali rassicuranti ma continuerò a chiedere che i Comuni non vengano lasciati soli nella fase della ripresa economica, che è importante come quella dell’emergenza sanitaria. È poi necessario – conclude Venuti – trovare soluzioni che accelerino l’iter burocratico di assegnazione delle risorse. Quei fondi saranno centrali, non possiamo rischiare che le lentezze burocratiche fermino le speranze di ripartenza dei cittadini e delle imprese”.