Trapani, infanticidio: arrestata la diciassettenne

14256

Ha ammesso tutto ed ha ricostruito quei momenti dichiarando di aver compiuto il gesto in quanto, a suo dire, sconvolta dall’inaspettato parto e non cosciente del suo stato di gravidanza. Alla luce degli elementi raccolti, al termine degli adempimenti, la minore è stata quindi tratta in arresto per il reato di omicidio e momentaneamente piantonata presso l’ospedale di Trapani in attesa del trasferimento in struttura idonea.
E’ stato un vero e proprio interrogatorio fiume che è terminato nella tarda serata di ieri sera. La diciassettenne è stata interrogata nel reparto di ginecologia ed ostetricia dove è stata sottoposta ad intervento chirurgico post parto, alla presenza del difensore legale. Un interrogatorio in modalità “protetta”, quello a cui è stata sottoposta.

Ai magistrati della procura dei minori di Palermo,  ha raccontato di aver partorito in bagno e poi di aver gettato il figlioletto dalla finestra. All’interrogatorio era presente anche il procuratore aggiunto di Trapani, Maurizio Agnello. La procura del capoluogo ha aperto un fascicolo contro ignoti.

Sono stati ascoltati ovviamente anche i parenti della giovane. I genitori, hanno confermato di non essere al corrente della gravidanza della figlia. Le indagini proseguono. C’è da capire se il bambino è nato morto o se il decesso è stato causato dall’impatto con il suolo. L’autospsia verrà effettuata nei prossimi giorni presso l’Istituto di medicina legale del Policlinico di Palermo. Rimane da chiare se davvero la ragazza ha fatto tutto da sola.