Home Politica Dimissioni del Segretario PD Zingaretti. Riflessioni a voce alta di Pina Santoro,...

Dimissioni del Segretario PD Zingaretti. Riflessioni a voce alta di Pina Santoro, componente dell’assemblea provinciale

Questa la nota testuale di Pina Santoro, componente dell’assemblea provinciale del PD, in merito alle dimissioni del segretario nazionale del partito, Nicola Zingaretti.

“In questi giorni ho letto tanti attestati di solidarietà, più o meno pervasi di ipocrisia. Di solito questo atteggiamento si manifesta nei confronti di persone che subiscono un’offesa, non nei confronti di chi assume una decisione, seppur dolorosa come può essere quella di dimettersi, una volta maturata la consapevolezza di non essere nelle condizioni di assolvere al compito cui si era stati chiamati.
È a tutti noto che nel 2019, in occasione delle primarie, ho sostenuto un altro candidato alla segreteria del Partito Democratico, ritenendo che Zingaretti, pur essendo un’ottima persona e quasi sicuramente anche un buon amministratore, non fosse idoneo per svolgere tale ruolo.
La gestione di un partito non è mai semplice, se poi si tratta di un partito che, a circa 13 anni dalla sua fondazione, non è mai nato, diventa davvero difficile ed allora, oltre che l’assunzione di responsabilità da parte di tutti (iscritti, dirigenti di partito, parlamentari e amministratori che rappresentano questo partito in seno alle istituzioni), è fondamentale la presenza di un leader che abbia la capacità di includere senza farsi dissolvere, che abbia il coraggio di portare avanti le idee ispiratrici del proprio partito, piuttosto che appiattirsi su quella di altri movimenti, pur di continuare a garantire lo scranno dei propri parlamentari, che sappia indicare la rotta da seguire, piuttosto che modificarla di volta in volta, pur di assecondare le velleità ora di uno, ora di un altro. È necessario un leader che sappia anche dire di no.
Qualcuno potrà pensare che abbia gioito della notizia delle sue dimissioni. No.
Sentire il Segretario nazionale affermare che “prova vergogna per il proprio partito impegnato a parlare di poltrone”, non può provocare gioia. È semplicemente disarmante perché ratifica le condizioni di degrado a cui questo partito è stato portato.
In una lettera aperta, che pubblicai nel 2019, lamentavo che la classe dirigente del PD si fosse allontanata dai cittadini ed avesse trasformato il partito in una terra di conquista da spartirsi proporzionalmente al potere di volta in volta detenuto. L’auspicio era che il rinnovamento tanto declamato si potesse finalmente realizzare con l’elezione di un nuovo segretario che inaugurasse un nuovo percorso. Non mi pare che ciò sia avvenuto con la segreteria di Zingaretti, a giudicare da ciò che egli stesso afferma, e chiedergli di rimanere è semplicemente velleitario.
Così come è velleitaria, oltre che falsa, l’unità che si è cercato di imporre. Era importante far passare il messaggio che finalmente, adesso, con Zingaretti segretario, le decisioni erano unitarie, quindi, candidati unitari per i vari circoli cittadini, per le segreterie provinciali e regionali. Il risultato di tale modus operandi è deleterio. Ci si ritrova con Segretari provinciali che disconoscono i relativi Presidenti. Accade a Trapani ma non solo.
L’unità può reggere solo se viene costruita faticosamente dai soggetti interessati, non se viene imposta dall’alto, né se scaturisce dalla temporanea convenienza nello stare insieme o da accordi tra fazioni che, possibilmente, saltano dopo tre giorni.
Una falsa unità, come tutte le cose false non vale nulla e dura poco.
Auspicare che l’Assemblea nazionale rielegga Zingaretti vuol dire non volere il bene, né di Zingaretti, né di questo partito. La maggioranza con cui è stato eletto non era affatto risicata e se, nonostante ciò, egli parla di “stillicidio”, di “guerriglia” vuol dire che non è riuscito a governare logiche di potere che, evidentemente, minano la comunità democratica.
Ed è pura utopia illudersi che possa riuscirci successivamente ad una fantomatica acclamazione da parte di un’Assemblea che forse non avrà neanche i crismi di legittimità. Perché sarei anche curiosa di conoscere il numero dei componenti dell’Assemblea nazionale.
Saranno mille come era previsto dallo statuto vigente al momento in cui si sono tenute le primarie. Saranno 600 come prevede il nuovo statuto, frettolosamente approvato da un’Assemblea che non si trovava nel suo plenum.
Oppure saranno un numero imprecisato. Diciamo: mille meno quelli che si sono dimessi … chissà.
Se il rispetto delle regole viene considerato superfluo, si finisce per considerare superfluo anche il
rispetto per le persone, siano essi colleghi parlamentari, tesserati, cittadini e, parimenti, il Segretario
nazionale del proprio partito.
Qualcuno parla dell’epilogo di una tragedia. Forse lo è perché sancisce la morte di un partito che
fondamentalmente non è mai nato, continuando ad essere, dopo 13 anni un assemblaggio di ex.
Pur, tuttavia, dalla tragedia può scaturire nuova vita, dunque, se finalmente, a qualsiasi livello
territoriale nonché, ovviamente, a livello nazionale si trova il coraggio di riconoscere gli errori
commessi, di affrontare le questioni invece di nasconderle, facendo credere che vada tutto bene, e si
prende consapevolezza che il partito non può essere una torta da cui ciascuno cerca di sottrarre una
fetta, quanto più grossa possibile, bensì una casa comune che cresce con la collaborazione di tutti,
all’interno della quale ciascuno deve sentirsi al sicuro ed orgoglioso di starci, allora potrà esservi una
speranza.
Zingaretti, come io immaginavo, non è stato in grado di gestire questo partito ma se avrà il coraggio
di andare fino in fondo e non prestarsi al gioco di chi vuole riconfermarlo per poter continuare a
gestire sotto traccia il proprio potere, avrà il merito di essere riuscito ad accendere un faro che ha
mostrato in maniera inopinabile l’attuale situazione interna. Con la sua scelta potrà offrire
l’opportunità per operare un cambiamento che passa necessariamente attraverso la valorizzazione
degli iscritti, la funzionalità dei circoli territoriali e il rispetto della pluralità delle idee perché l’unità
è un valore aggiunto solo se nasce spontanea.
“Quando tutti pensano nello stesso modo, nessuno pensa molto”. Il Partito Democratico ha bisogno
di persone che pensano”.

Ultime notizie in diretta

Covid19. 13.108 attuali positivi in provincia di Trapani; 15 morti

Le persone attualmente positive in provincia di Trapani, in isolamento domiciliare obbligatorio e...

I sindaci Toscano e Tranchida incontrato il professore Scichiolone

Oggi negli uffici del Comune di Erice, a Rigaletta-Milo,...

L’apprezzamento dei siciliani per il presidente Mattarella

L'affetto dei siciliani, nei confronti dell'uscente Presidente della repubblica, Sergio Mattarella, è tanto...

Trapani, un paragone azzardato contestato dal PD

Il consigliere comunale Rocco Greco e l'accostamento fra i vaccini per i dodicenni...

La Consulta delle Associazioni, le domande entro il 31 gennaio

Scadrà il prossimo 31 gennaio il termine per rinnovare l'iscrizione o richiedere di...

Iscrizioni aperte fino al 28 gennaio in Futura

Con una esperienza più...

Il Vescovo Domenico Mogavero telefona a Sheila Melosu, capomissione della nave “Mare Jonio”

«Seppur lontano fisicamente sono con voi con l’affetto. Sappiate che condividiamo in pieno...

Aperte le iscrizioni alla 28esima edizione del concorso “Montiferru, Premio Nazionale per l’olio extravergine di oliva”

Il sindaco Giuseppe Castiglione e l’assessore all’Agricoltura Vincenzo Pisciotta rendono noto che sono...

Stasera in onda su Telesud

Per gli appuntamenti su Telesud, questa sera alle 21 ed in replica alle...

Altre Notizie di Oggi

Trapani, furto d’auto e incidente

La notte scorsa i Carabinieri della Compagnia di Trapani sono stati chiamati ad intervenire in via Tosto De Caro nel quartiere ericino...

Carcere di Favignana. Manca il personale, l’allarme del SAPPE

Il segretario regionale del Sindacato Autonomo di Polizia Penitenziaria, Calogero Navarra, ha inviato una nota al Provveditore regionale per la Sicilia dell'amministrazione...

Gioco on line e Reddito di cittadinanza. Beneficio revocato e si può finire davanti un giudice

Richiesta di rinvio a giudizio e fissazione di udienza preliminare per alcuni cittadini trapanesi che non avrebbero dichiarato vincite al gioco on...

A “giudizio” l’ex sottosegretario Simona Vicari accusata di corruzione

Stesso provvedimento è stato adottato per l’ex dirigente della Regione Salvatrice Severino e per Giuseppe Montalto, ex segretario particolare del senatore Pistorio,...

Trapani. Il ragazzo scomparso s’è allontanato volontariamente e sarebbe a casa di amici

Non una scomparsa ma un allontanamento volontario. Il ragazzo M. C. ha infatti telefonato alla nonna, alla quale è in affidamento. Aveva...

Senza super green pass rimpatri e trasferimenti di migranti bloccati

Le recenti normative anti-covid da parte del Governo hanno ingessato gli spostamenti degli stranieri sbarcati in Sicilia o trattenuti nei due Centri...
Trapani
cielo sereno
4.7 ° C
8.1 °
2.9 °
63 %
3.8kmh
4 %
Mar
8 °
Mer
11 °
Gio
13 °
Ven
12 °
Sab
10 °