Un progetto internazionale per la Montalto

Si ricollegherà all'Agenda 2030 dell'Unione Europea.

235

“Reconnect with your culture” è un progetto che si ricollegherà all’Agenda 2030 dell’Unione Europea, goal 4 “Qualità dell’educazione”,  che vede coinvolti decine di paesi nel mondo. Già nel 2020-2021 l’Istituto Comprensivo di Marausa, diretto dal dirigente Scolastico Maria Letizia Natalia Gentile, aveva aderito a questa iniziativa internazionale che ha coinvolto gli studenti tra i 5 e i 17 anni di tutto il mondo. Un programma sostenuto dall’UNESCO, ICOMOS, DOCOMOMO e altre associazioni internazionali. L’obiettivo era quello di stimolare la conoscenza del proprio patrimonio culturale, scegliendo un bene locale da tutelare e descrivere attraverso il linguaggio universale del disegno. Alla fine delle attività
didattiche, nel mese di giugno scorso, i disegni che gli studenti della scuola trapanese hanno inviato alla
segreteria del concorso e che sono stati presentati in un’esposizione online che raccoglie i lavori
dei ragazzi di tutto il mondo e che è visitabile su www.drawingsfromtheworld.com/europe-room.
L’Istituto di  Marausa ha adottato il metodo didattico RWYC ed in Europa è quello che ha dato il maggior contributo all’iniziativa per numero di elaborati prodotti (circa 200) dai ragazzi della scuola elementare e media e per le energie organizzative messe in moto dal personale docente, portato avanti dagli insegnanti Silvana Alagna, Isabella D’Elia, Antonella Zanca, Laura Genna, Rosa Valenti, Antonella Corte, Diana
Grimaudo, Biagia Ingraldo, Rosa Bonfiglio, Rosanna Di Trapani, Rosanna Renda e Annamaria Rindinella per la scuola primaria mentre per la secondaria di primo grado il prof. Marcello Maltese è attualmente coordinatore del progetto per l’Italia. Da pochi mesi questo metodo didattico, che mette la conoscenza del proprio patrimonio culturale al centro del processo educativo, è stato inserito tra gli insegnamenti di alta qualità dall’Istituto Nazionale di Documentazione Innovazione e Ricerca Educativa. Il 27 Gennaio 2022 gli alunni della classe V della scuola primaria del plesso di Salinagrande hanno incontrato online gli allievi della primaria di Kitago (Sapporo) in Giappone. Successivamente è stata condotta un’uscita didattica edè stato realizzato un video per presentare le bellezze del patrimonio naturalistico e artistico-culturale del nostro territorio. L’itinerario ripreso ha previsto la visita al porticciolo “Uccello Pio” di Salinagrande, alle Saline Terranova di Salinagrande e al Museo del Sale di Nubia. Con l’inizio della primavera l’istituto comprensivo “G. Montalto” ha programmato un altro incontro online tra i giovanissimi della classe V elementare di Salinagrande e i loro coetanei dell’Afterschool Kugayama Kids di Tokyo. Questo seminario di scambio culturale tra Italia e Giappone si svolge in due atti preceduti dalla condivisione di
informazioni riguardanti alcuni aspetti delle rispettive culture. Il primo incontro è avvenuto lunedì 28 marzo dove i bambini giapponesi hanno proposto tre attività di gioco riguardanti le festività tipiche del loro paese, la tecnica dell’origami per realizzare con la carta piegata due oggetti, un cuore e
un pappagallino, che i bambini di Salinagrande hanno eseguito in diretta seguendo le mosse dei loro coetanei e infine hanno cantato tutti insieme una famosa canzone in cui bisognava usare le mani e i piedi. Dopo l’incontro e nei giorni seguenti, entusiasti per quanto imparato, i bambini siciliani
hanno continuato ad esercitarsi su altri animali di carta con la supervisione delle loro maestre. Tra poche settimane si svolgerà il secondo seminario che prevede un programma simile al primo, ma a parti invertite e in cui i bambini di Salinagrande mostreranno ai piccoli di Tokyo come cucinare la tipica busiata col pesto, e come realizzare la pizza. Anche stavolta il momento finale sarà la musica.