sabato, Luglio 20, 2024
29.1 C
Trapani
HomeCronacaLa donna uccisa a Castelvetrano, il marito era "in grado di intendere...

La donna uccisa a Castelvetrano, il marito era “in grado di intendere e di volere”

Il pescatore Ernesto Favara era lucido quando ha ucciso a coltellate la moglie, Maria Amatuzzo. Lo ha riferito in aula lo psichiatra Gaetano Vivona, perito nominato dal tribunale, nel corso dell’udienza, dinnanzi alla Corte d’Assise di Trapani dove si celebra il processo per il femminicidio commesso, nella frazione balneare di Marinella di Selinunte, nel territorio di Castelvetrano, la vigilia di Natale del 2022. La donna venne assassinata con 28 coltellate. Favara, secondo il perito, era lucido e, quindi, capace di intendere e di volere. A sostenere l’accusa, il pubblico ministero Stefania Tredici. Prossima udienza il 22 luglio

  • LO SPETTACOLO DELL’ALBA AL PARCO ARCHEOLOGICO DI SELINUNTE - INVENZIONI A TRE VOCI

Altre notizie