Home Sport Le mie dimissioni dal Trapani Calcio

Le mie dimissioni dal Trapani Calcio

Il consigliere d'amministrazione ritorna sulla scelta di lasciare il CDA.

Dopo la notizia di essermi dimesso dal CDA del Trapani, il mondo social si è sbizzarrito nei commenti. È normale e fa parte del gioco per chi assume ruoli di rilievo pubblico. Le critiche erano incentrate su due leit motiv: “non se ne è accorto nessuno” e “fino a pochi giorni fa non difendeva Petroni?”. Sulla prima vorrei ancora una volta sottolineare che le deleghe non mi coinvolgevano sulla gestione sportiva o finanziaria, ovvero quelle “più incisive e d’impatto” in una squadra di calcio, com’è fisiologico che sia. La comunicazione e le relazione esterne sono assai più sottili e non è il caso di elencare ciò che ho potuto (non potuto) fare in pochi mesi, per giunta funestati dall’emergenza pandemica, ad iniziare dal ripristino del sito web della società – fermo da mesi e mesi – piuttosto che “impormi” sulla sospensione del silenzio stampa in favore di redazioni e tifosi. Il secondo punto, la difesa di Petroni. Nel corso dei miei rari interventi non ho affatto “difeso Petroni” ma ho semplicemente ribadito, con convinzione, cosa che faccio tuttora, che il Trapani Calcio ha subìto una gigantesca ingiustizia nella penalizzazione dei 2 punti e che le motivazioni delle sentenze, sostanzialmente sintetizzate col fatto che tutte le altre proprietà avessero, invece, rispettato le scadenze federali in pieno Covid sono a dir poco puerili ancor prima che claudicanti in punta di diritto. Detto ciò, ho più volte scritto che tutto questo ha pesato come un macigno sull’intera gestione Alivision e che la proprietà se ne dovesse comunque assumere la responsabilità davanti all’opinione pubblica. Ho anche detto che in quei giorni, chi poteva, dentro e fuori la società, non rimettendoci una lira, non ha mosso un dito per venire incontro alle richieste d’aiuto. E lo confermo. Ciononostante, ho trovato davvero manchevole il comportamento della proprietà in queste settimane. Venendo dal “peccato originario” della penalizzazione, si sarebbe dovuti essere più presenti, fisicamente e soprattutto economicamente. Le cronache, invece, ci raccontano tutt’altro: fuggi fuggi generale, dipendenti e tesserati sul piede di guerra per stipendi non pagati, creditori che mi bussavano alla porta un giorno si e l’altro pure e la telenovela tamponi con cui probabilmente si è toccato il fondo. Con tutta la buona volontà, impossibile proseguire così. È vero, Alivision ha uscito oltre un milione di euro nella stagione; l’iscrizione è stata garantita ma questo non può esimirla dai doveri correnti. Non mi sembra che nulla di tutto ciò sia all’orizzonte, nonostante le mie reiterate richieste in tal senso. Mi auguro che Fabio Petroni domani possa chiarire come intenda la proprietà sostenere a strettissimo giro il club. Tradotto, denaro fresco nelle casse societarie se ne ha la possibilità. Viceversa sarà impossibile programmare la stagione. È del tutto evidente che il territorio – viste le polemiche degli ultimi giorni, “col peccato originario” sul groppone – difficilmente la sosterrà, ad iniziare dagli sponsor locali. Chiaramente spero di sbagliarmi ed auguro ogni bene ai colori granata. Di sicuro, tuttavia, la situazione è come minimo assai critica.  

Massimo Marino 

Consigliere dimissionario Trapani Calcio  

Ultime notizie in diretta

Scilla: “Non ci sono soldi per i Forestali”

Un problema che si ripropone ormai da decenni, quello della stabilizzazione dei forestali...

L’Handball Erice lotta, ma perde a Padova 30-29

Cellini Padova vs Ac Life Style Erice 30-29 Parziali: (18-11; 30-29).

Diocesi di Trapani, riprendono le attività a Napola e Lenzi

"Negativo" don Antonino Catalano, parroco nelle frazioni ericine di...

Verso il voto per il Quirinale

Il Parlamento in seduta comune è...

Elezioni ad Erice, riunione del Movimento 5 Stelle

Si è svolta ieri pomeriggio la riunione preparatoria del MoVimento 5 Stelle di...

Istituto Abele Damiani di Marsala: autorizzato il Corso Serale di Sala e Vendita

Nello specifico dei corsi serali, dal prossimo anno scolastico, l’I.I.S. “Abele Damiani” di...

Marsala. Vendevano oro rubato, in due denunciati dai carabinieri

I Carabinieri della Compagnia di Marsala hanno denunciato un uomo ed una donna...

Trapani, furto d’auto e incidente

La notte scorsa i Carabinieri della Compagnia di Trapani sono stati chiamati ad...

Prospettive di sviluppo economico e sociale attraverso gli interventi nelle scuole.

12 miliardi di euro. È l’ingente quantità di denaro che il Piano Nazionale...

Altre Notizie di Oggi

Trapani, furto d’auto e incidente

La notte scorsa i Carabinieri della Compagnia di Trapani sono stati chiamati ad intervenire in via Tosto De Caro nel quartiere ericino...

Carcere di Favignana. Manca il personale, l’allarme del SAPPE

Il segretario regionale del Sindacato Autonomo di Polizia Penitenziaria, Calogero Navarra, ha inviato una nota al Provveditore regionale per la Sicilia dell'amministrazione...

Gioco on line e Reddito di cittadinanza. Beneficio revocato e si può finire davanti un giudice

Richiesta di rinvio a giudizio e fissazione di udienza preliminare per alcuni cittadini trapanesi che non avrebbero dichiarato vincite al gioco on...

A “giudizio” l’ex sottosegretario Simona Vicari accusata di corruzione

Stesso provvedimento è stato adottato per l’ex dirigente della Regione Salvatrice Severino e per Giuseppe Montalto, ex segretario particolare del senatore Pistorio,...

Trapani. Il ragazzo scomparso s’è allontanato volontariamente e sarebbe a casa di amici

Non una scomparsa ma un allontanamento volontario. Il ragazzo M. C. ha infatti telefonato alla nonna, alla quale è in affidamento. Aveva...

Senza super green pass rimpatri e trasferimenti di migranti bloccati

Le recenti normative anti-covid da parte del Governo hanno ingessato gli spostamenti degli stranieri sbarcati in Sicilia o trattenuti nei due Centri...
Trapani
cielo sereno
6.1 ° C
8.1 °
1.2 °
71 %
3.2kmh
0 %
Dom
12 °
Lun
12 °
Mar
10 °
Mer
12 °
Gio
11 °