Egadi, trasporti troppo cari: interviene il nuovo sindacato dei Carabinieri

85

NSC trova sponda presso l’onorevole Cristina Ciminnisi, deputata regionale del Movimento Cinque Stelle

Troppo cari. I biglietti per le isole Egadi sono diventati sin troppo onerosi anche per i lavoratori delle Forze dell’Ordine.
Il nuovo sindacato dei Carabinieri, NSC, tramite il suo dirigente Danilo Caltagirone, sottolinea come “oltre al danno ci sia stata pure la beffa”. E in effetti potrebbe essere questo quello che hanno pensato gli appartenenti alle Forze dell’Ordine e non solo, in servizio nelle isole minori che nei giorni scorsi si sono recati presso una qualsiasi biglietteria Liberty Lines per acquistare il solito  abbonamento da 26 corse denominato “CLE30” riservato a tutti coloro che svolgono attività lavorative sulle isole. Con amarissima sorpresa, però, hanno appreso che la suddetta CLE30 ha cambiato nome, diventando adesso “Liberty Business”, ma soprattutto ha cambiato prezzo, dalle precedenti 96 euro (per 26 viaggi appunto) ad addirittura 156 Euro sempre per lo stesso numero di viaggi.

Per il sindacato dei Carabinieri, 60 euro di aumento sull’abbonamento sembrano onestamente un po’ troppi.  “Stiamo pur sempre parlando di persone che giornalmente o quasi si recano a lavoro in località disagiate – afferma Caltagirone – le quali dovrebbero essere agevolate e non ulteriormente martoriate,  soprattutto in questi tempi di ristrettezza economica“.
E poi aggiunge: “Questo aumento, oltre ad apparire eccessivo, va nettamente in contrasto con quelli che sono gli indirizzi da parte dello Stato in tema di agevolazioni per i lavoratori pendolari e perché no, a voler pensar male, appare quasi come un voler  velatamente recuperare le cifre scontate ai suddetti col “Bonus Trasporti”.
La Segreteria Provinciale di Trapani del N.S.C. con sede a Misiliscemi, composta oltre che dal Segretario Generale Danilo Caltagirone anche dal Segretario Generale aggiunto Giuseppe Pipitone e dal Segretario provinciale Luigi Alessandro Mantia, si è fatta carico di raccogliere numerose segnalazioni da parte dei tesserati in servizio sulle isole minori e si schiera apertamente contro questi aumenti scellerati da parte di Liberty Lines e nel contempo continua la sua importante battaglia in sede all’A.R.S., iniziata già la scorsa estate, per l’estensione anche ai trasporti marittimi della possibilità di viaggiare gratis per raggiungere la sede di servizio per tutti gli appartenenti alle FF.OO. e FF.AA., al momento già presente sui i trasporti gommati e su rotaia grazie ad una direttiva dell’amministrazione Musumeci.

Accanto al sindacato dei carabinieri si è schierata la deputata regionale del Movimento Cinquestelle, onorevole Cristina Ciminnisi che ha sin da subito abbracciato in pieno la problematica, sollecitando l’assessore al ramo chiedendogli di eliminare la disparità di trattamento tra le Forze dell’Ordine che viaggiano sul trasporto pubblico locale su gomma a condizioni agevolate e chi invece viaggia via mare sempre per ragioni di servizio.