Primi passi gemellaggio Marsala-Tiro (Libano)

98

Il Generale di Brigata Giuseppe Bertoncello, comandante della Brigata “Aosta”, accompagnato dal Colonello “Alberto Nola” e dai Primi Luogotenenti Giuseppe Genna e Giovan Battista Sardina, è stato in visita stamani al Comune di Marsala dove è stato ricevuto dal Sindaco Massimo Grillo, presenti anche il Capo di Gabinetto Alessandro Putaggio e il vice Comandante della Polizia Municipale Salvatore Pocorobba.

Il generale Bertoncello ha presentato un’iniziativa, di grande rilievo sociale, che potrebbe coinvolgere le comunità marsalese e di Tiro, un grosso centro nel Sud del Libano, dove, a partire dai primi giorni di agosto, la Brigata Aosta sarà presente come contingente di pace della Nato. Peraltro proprio il comandante Bertoncello assumerà il Comando delle operazioni interforze (rappresentanti militari di ben 16 nazioni). Al Sindaco è stato proposto nello specifico un gemellaggio fra Marsala e Tiro viste anche le affinità che caratterizzano i due territori.

“Riteniamo – ha precisato l’alto ufficiale dell’Esercito – che oltre ai compiti istituzionali che siamo chiamati a svolgere in missione, ci sia anche quello di interagire con la popolazione civile per fare in modo di stabilire un rapporto di solidarietà e anche di collaborazione. Ed è quello che facciamo continuamente. Inoltre abbiamo anche constatato che si tratta di popolazioni ben disposte a confrontarsi con quelle di altre nazioni per migliorarsi e per crescere anche dal punto di vista socio-economico e culturale. Da qui l’idea di un possibile gemellaggio con la Città Marsala che, peraltro, ha origini fenicie come la stessa città libanese di Tiro. Sono soddisfatto che il Sindaco di Marsala ha ben accolto la nostra proposta”.

“Desidero ringraziare il Generale Bertoncello e il Colonello Nola per avere scelto la nostra Città per promuovere questo gemellaggio con Tiro – sottolinea il Sindaco Massimo Grillo. Del resto Marsala ha delle peculiarità che la avvicinano tanto a quella libanese. Partiamo dalle origini fenicie. Marsala ha l’isola di Mothia, fulcro della civiltà fenicia e stessa cosa Tiro con l’isola di Sur. Si tratta poi di due territori ubicati al Sud delle rispettive nazioni ed entrambe si affacciano sul mar Mediterraneo. Da qui la nostra idea di coinvolgere la Città di Tiro nel progetto di una Università del Mediterraneo che come Sindaci stiamo portando avanti e di cui vi è traccia nella Carta di Firenze. Il gemellaggio con Tiro andrebbe ancor più a implementare i legami territoriali fra centri italiani e le località straniere promuovendo ulteriori partenariati con città libanesi oltre a quelli già previsti nell’ambito dell’iniziativa “Green City – Partenariati Territoriali per uno sviluppo urbano sostenibile e resiliente” presentata all’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo. Infine è anche nostro intendimento promuovere la diffusione della Dieta Mediterranea, assai salutare, valorizzando appieno i prodotti della nostra terra”.