Il sindaco Giuseppe Castiglione invita la cittadinanza a partecipare alla conferenza intitolata “IV Centenario di Campobello”

38

Il sindaco Giuseppe Castiglione invita la cittadinanza a partecipare alla conferenza intitolata “IV Centenario di Campobello”, che si terrà domani, venerdì 10 dicembre, alle ore 17.30, all’interno della chiesa Madre Santa Maria al Presepe, in occasione dell’anniversario della fondazione del Comune, avvenuta con la Licentia Populandi novam civitamen concessa da Filippo IV di Spagna al barone di Napoli il 10 dicembre 1621.

L’incontro celebrativo è promosso dall’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Castiglione, di concerto con l’Arcipretura della Chiesa Madre “S. Maria al Presepe” e con la collaborazione delle associazioni ACR, Age, Avel, Cif, Fidapa, Gandhi e Pro loco Costa di Cusa.

La conferenza sarà moderata dalla professoressa Caterina Mangiaracina e vedrà gli interventi del sindaco Giuseppe Castiglione e dell’arciprete don Nicola Marcello Patti, che introdurranno i lavori.

Interverranno, inoltre, il dott. Salvatore La Monica, storico, che relazionerà sull’argomento “Elisabetta Barresi, signora di Alessandria della Rocca e di Campobello di Mazara”, il prof. Giovanni Isgrò, docente universitario, che illustrerà “L’idea dell’Hispanidad nella Sicilia seicentesca al tempo dei Di Napoli Barresi” e il docente e sacerdote don Pietro Pisciotta, che infine affronterà l’argomento “Quattro secoli di religiosità”.

L’evento sarà organizzato nel rispetto delle recenti misure di sicurezza anti Covid e potrà essere seguito anche tramite i canali social (pagine Facebook Sindaco Giuseppe Castiglione e Campobello di Mazara – L’Amministrazione comunale informa).

Al fine di festeggiare questa significativa ricorrenza storica, che rappresenta un’occasione per valorizzare l’identità di Campobello e delle sue istituzioni, L’Amministrazione comunale in primavera promuoverà una serie di altre iniziative storico-culturali, che vedranno il coinvolgimento delle associazioni e di diversi protagonisti chiamati a raccontare quattro secoli della storia di Campobello.