Home Economia Le tre domande della domenica a Giacomo Pappalardo

Le tre domande della domenica a Giacomo Pappalardo

L'intervista al Presidente del Consorzio di gestione della pesca artigianale di Trapani.

Presidente Pappalardo, il suo gruppo ha contribuito ha contribuito fattivamente alla realizzazione del “Tempuricapuna”. Cosa rappresenta per voi della marineria sanvitese un appuntamento del genere?

Fin dal 2007 la nostra marineria, per la prima volta ha partecipato come partner con il Comune di San Vito lo Capo su un progetto finanziato dal Dipartimento Regionale Siciliana della Pesca Siciliana con il FEP 2007/2013, con il chiaro obiettivo di valorizzare una specie ittica da sempre considerata una specie c.d. povera (lampuga/ capune), ma di grandissima proprietà nutrizionale e di ottime qualità organolettiche. Attraverso la realizzazione di iniziative indirizzate a valorizzare la marineria sanvitese, che partecipando in maniera attiva alla realizzazione di questi importanti eventi, intende non disperdere le tradizioni gli usi e le consuetudini locali. Durante gli eventi, attraverso la testimonianza dei nostri pescatori più anziani e con la fattiva partecipazione di tutti i i nostri lavoratori del mare, abbiamo chiaro nelle nostre menti che queste manifestazioni possono assolutamente valorizzare la nostra categoria, la nostra professionalità e soprattutto i nostri sacrifici. Anche se nel comune di San Vito lo Capo il volano principale dell’economia è sicuramente individuato nel turismo, ci piace ribadire che anche la pesca professionale intende recitare un ruolo di primissimo piano. Per questo motivo l’evento “tempuricapuna” assume una duplice importanza sia in termini di valorizzazione del nostro pescato che quello della promozione turistica gastronomica del nostro territorio.

Che annata è stata, questa, per la pesca del Capone nei nostri mari ?

Questa tipologia di pesca nel nostro territorio è sempre stata un’attività tra le principali effettuate. Le imbarcazioni coinvolte esercitano questa attività in maniera stagionale e precisamente dalla fine del mese di agosto e fino alla prima decade di Dicembre. Quasi sempre è risultata un’attività molto redditizia soprattutto per la presenza costante della risorsa anche se talvolta può capitare qualche annata sfavorevole. Per questa annata, ad ‘oggi, la pesca almeno all’inizio non è stata molto fruttuosa soprattutto alle condizioni di “Buon tempo” che sfavorisce l’utilizzo dell’attrezzo per la cattura della specie.

Per questa attività di pesca necessita di una condizione meteo avversa proveniente da ovest-nord-ovest, perché le mareggiate creano le condizioni ottimali per la cattura della specie, e che comunque non compromettono le uscite. Si spera che dopo le condizioni proibitive di questi giorni, si possano verificare le condizioni favorevoli al fine di poter consentire alle imbarcazioni le uscite in mare con una certa regolarità per poter compensare le perdite fino ad’ora maturate.

Pappalardo lei è Presidente del Consorzio di gestione della pesca artigianale di Trapani. Qual’ è lo stato di salute complessivo di questo cruciale settore per la nostra tradizione marinara in questo momento storico ?

Il nostro Consorzio associa circa 250 imprese di pesca comprese tra Trapani, Marsala, San Vito lo Capo ed Isole Egadi. Purtroppo lo stato di salute del nostro comparto è da paragonare ad un moribondo che spera in un miracolo per poter continuare a vivere La pesca sta attraversando una grandissima crisi di identità. Diverse sono le problematiche che attanagliano il nostro settore e di sicuro dieci righe non bastano per poterle descrivere esaustivamente. Da un po’ di tempo a questa parte, le nostre imprese di pesca pongono in disamo le imbarcazioni da pesca dal mese di Novembre fino al mese di Marzo, aggravando ovviamente le casse dello stato, che attraverso gli ammortizzatori sociali, devono comunque erogare dei sostegni economici ai pescatori, sottoforma di cassa integrazione, disoccupazione o altro. Ma in realtà i pescatori vorrebbero porre fine per essere sempre identificati come lavoratori sovvenzionati e poter sopravvivere dignitosamente della propria attività. Tra l’altro occorre evidenziare che il mancato tramandare l’attività dal padre al figlio, porterà alla scomparsa definitiva del nostro settore non più tardi di dieci anni nelle migliori aspettative. Infine il nostro consorzio in questi mesi ha beneficiato di un progetto finalizzato alla tutela della risorsa mare attraverso il coinvolgimento delle imbarcazioni, del personale delle cooperative aderenti attraverso l’attuazione di diverse attività per la sensibilizzazione e la divulgazione della raccolta dei rifiuti in mare soprattutto quelli galleggianti.

Ultime notizie in diretta

Domani all’Istituto Superiore “Florio” di Erice lo chef TonY Lo Coco del ristorante I Pupi di Bagheria, una stella Michelin

L’Istituto Superiore “I. e V. Florio” di Erice, diretto da Pina Mandina, incontra...

Giovinetto di Mozia, Pellegrino (FI): “Il trasferimento a Palermo della preziosa statua potrebbe comportare micro lesioni oltre che pregiudicare l’economia marsalese per la minore...

“Ho appena depositato un'interrogazione urgente con risposta in Aula, perché il Governo regionale...

Santa Ninfa. Al bar senza green pass. Sanzionato il titolare, chiusa l’attività per 5 giorni

Nel fine settimana appena trascorso i Carabinieri di Castelvetrano hanno operato una serie...

Disabilità e assistenza igienico personale agli studenti. SGB annuncia iniziative

Si inasprisce ulteriormente la vertenza sul servizio di assistenza ai ragazzi con disabilità...

“Merito dello spogliatoio”

Parole di elogio nel finale di gara da parte di Massimo Morgia nei...

Prevenire è vivere!

di Mario Torrente Oggi, nella sede...

Ecco il nuovo mercato del pesce

di Mario Torrente Inaugurato questa mattina a Trapani il nuovo...

Oggi in onda su Telesud

Alle 21 torna in diretta Sport Sud. In studio con Stefania Renda un...

Piove… sul parquet

di Stefania Renda Ieri al pala Conad non si è...

Altre Notizie di Oggi

Concluse le esercitazioni dei Vigili del Fuoco in Sicilia.

Ad iniziare da martedì scorso, sono stati 4 giorni intensi nei quali ogni Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco della Sicilia ha...

Immigrazione clandestina: tre cittadini tunisini arrestati dalla Polizia

Tre gli arresti eseguiti negli ultimi giorni dalla Polizia di Stato di Trapani, nell’ambito della lotta all’immigrazione clandestina. I...

Maltrattamenti ai genitori. Un arresto a Paceco e un allontanamento a Valderice

Un giovane di ventiquattro anni è stato arrestato a Valderice con l'accusa di maltrattamenti in famiglia. I Carabinieri sono intervenuti in seguito...

Gibellina. Arrestato dai carabinieri un 34enne che deve scontare la condanna per mafia

Dopo il 79enne Ugo Di Leonardo arrestato ieri dai carabinieri, un altro pregiudicato coinvolto nella operazione Ermes della Polizia, che portò in...

Falsi green pass. Truffa sventata dalla GdF, perquisizioni in Sicilia

Perquisizioni e accertamenti anche in Sicilia nell’ambito della innovativa indagine dei Finanzieri del Nucleo Speciale Tutela Privacy e Frodi Tecnologiche per contrastare...

Mazara del Vallo. Operazione antidroga della Polizia. Sequestrati 55 chili di hashish

Ieri la Polizia ha concluso una complessa attività investigativa che ha portato all’arresto per reati legati alla droga, in flagranza e su...
Trapani
cielo coperto
9.3 ° C
11.3 °
7.9 °
62 %
14.7kmh
99 %
Lun
10 °
Mar
12 °
Mer
14 °
Gio
15 °
Ven
13 °