Nuova Iside, sarà riesumata la salma di Giuseppe Lo Iacono

1796

La moglie chiede che vanga fatta l’autopsia per accertare le cause della morte.

Sarà riesumata la salma di Giuseppe Lo Iacono, il marinaio morto nella tragedia del peschereccio Nuova Iside affondato al largo tra San Vito Lo Capo e Ustica. La moglie, assistita dall’avvocato Aldo Ruffino, ha chiesto che venga effettuata l’autopsia sul corpo del marito per chiarire le cause della morte.

Al momento era stata eseguita solo l’autopsia sul corpo di Matteo Lo Iacono l’altro componente dell’equipaggio che il cui corpo il mare ha restituito. L’esame eseguito sul corpo di Matteo Lo Iacono aveva sollevato qualche dubbio sulla morte del marinaio, confermando l’ipotesi dello speronamento del peschereccio da parte di qualche imbarcazione. Sulla morte dei pescatori la procura di Palermo ha aperto un’inchiesta coordinata dal procuratore aggiunto Ennio Petrigni e dal sostituto Vincenzo Amico e delegata alla guardia costiera.

Sono in corso indagini sul passaggio della nave Vulcanello, un’imbarcazione utilizzata per il trasporto del carburante, battente bandiera italiana. Al momento i pescatori hanno notato che negli ultimi giorni la nave della Marina Militare utilizzata per le ricerche subacquee non si trova più nel tratto di mare dove sarebbe scomparso il peschereccio affondato nella notte tra il 12 e il 13 maggio. A bordo della Nuova Iside oltre a Matteo Lo Iacono, il cugino Giuseppe c’era anche il figlio Vito, 27 anni, ancora disperso.