Trapani, al via processo “Scrigno”

4066

Dopo il rinvio a causa del Coronavirus, oggi la prima udienza.

E’ iniziato questa mattina, dinnanzi al tribunale di Trapani, il processo scaturito dall’operazione antimafia Scrigno, condotta dai carabinieri del comando provinciale di Trapani e coordinata dalla DDA di Palermo, che  ha portato alla luce una serie di  rapporti tra mafia, politica ed imprenditoria. Imputati 9 dei 29 indagati dell’inchiesta; gli altri venti indagati, infatti, hanno scelto il rito abbreviato o il patteggiamento, e saranno giudicati dal Gup di Palermo.

Il collegio giudicante, presieduto da Daniela Troja, ha preso atto del decesso di uno degli imputati, Luigi Manuguerra, ed ha disposto lo stralcio della posizione dell’ ex deputato regionale Paolo Ruggirello per motivi di salute ( detenuto nel carcere Santa Maria Capua Vetere, nelle scorse settimana è stato costretto ad un ricovero ospedaliero in quanto affetto da Covid-19 ed è ancora sotto osservazione), e di Vito D’Angelo per legittimo impedimento dell’avvocato difensore.

Intanto i Comuni di Erice e Custonaci hanno richiesto di costituirsi parte civile. L’avvocato Sugamele, difensore di uno degli imputati, si è opposto, chiedendo la revoca delle parti civili già ammesse dal Gup.

La prossima udienza si terrà il 29 Maggio.