Coronavirus, l’epidemia da fake news

4999

E’ finito nel tritacarne dei social. Una fake news che da qualche giorno sta rimbalzando ovunque, dai vocali su Whatsapp ai post Facebook. Vittima, un commerciante cinese, Jin, che da anni gestisce un negozio di articoli per la casa in via Conte Agostino Pepoli. “Avviso importante, mi hanno appena comunicato che il cinese che ha il negozio di fronte il benzinaio è andato a prendere sua figlia che viene dalla Cina e l’ha portata in paese, le autorità si stanno subito attivando per metterla in quarantena. Quindici giorni come da prassi. Si consiglia vivamente di non avvicinarsi al negozio. Spargete voce, grazie. Di fronte Q8 vicino il Palazzo Venuti”. Questo il testo, falso e privo di alcun riscontro, che ha però danneggiato Jin, che ha così deciso di rendere pubblica la vicenda attraverso il suo profilo Facebook. Jin sottolinea che dal giorno in cui è stata diffusa la notizia dello scoppio dell’epidemia del Coronavirus, nessuno dei suoi familiari si è mai allontanato da Trapani. “Spero che queste false informazioni che girano vengano smentite -scrive l’uomo – in modo da non causare problemi ai nostri figli e ferirne i sentimenti”. Jin inoltre ha già fatto partire le prime denunce nei confronti di quanti hanno condiviso la bufala.