Il Dirigente dell’Istituto Agrario e Alberghiero di Marsala scrive al Prefetto per poter usufruire dei locali della scuola dal mese di settembre

167

Il Dirigente Scolastico dell’Istituto Agrario e Alberghiero “Abele Damiani” di Marsala, Domenico Pocorobba, ha inviato una nota al Prefetto di Trapani, al Commissario Straordinario del Libero Consorzio Comunale, al Direttore dell’USR Sicilia, all’Assessore Regionale all’Istruzione, al sindaco di Marsala, al Dirigente dell’Ambito Territoriale di Trapani e ai Deputati Regionali Stefano Pellegrino ed Eleonora Lo Curto, con la richiesta urgente della convocazione di un tavolo tecnico finalizzato all’individuazione delle aule necessarie a garantire il diritto allo studio degli allievi del ‘Damiani’. Il Dirigente Scolastico, infatti, ha ricevuto una nota del Libero Consorzio Comunale, con la quale veniva notificata l’interdizione di un lato dell’Istituto dove sono allocate 16 aule, l’aula magna e la sala docenti, ‘per la progettazione degli interventi necessari per ripristinare condizioni di sicurezza’. “Una situazione decisamente grave – evidenzia il Dirigente Scolastico – dovuta al fatto che ci viene comunicato che gli “interventi necessari a ripristinare le condizioni di sicurezza non potranno essere realizzati entro il corrente anno”. La scuola marsalese con la suddetta nota dell’11 giugno scorso, quindi, torna a richiedere l’utilizzo dal 01 settembre 2021 di tutti i locali ricadenti all’interno della pertinenza dell’Istituto, dove sono a tutt’oggi ospitate le aule dell’Università con un contratto di comodato d’uso gratuito, fermo restando le aule del piano terra dove sono allocati i laboratori della stessa facoltà o, in alternativa, solo per motivi eccezionali, l’individuazione, nelle vicinanze della scuola, di altri locali idonei ad ospitare le 16 predette aule. “Si fa presente, infine – evidenza il Dirigente Pocorobba nella sua nota – che risulterebbe improponibile effettuare doppi turni, vista la provenienza dalle diverse contrade del marsalese e da Comuni limitrofi. di più di 500 allievi, e in considerazione del fatto che in orario pomeridiano sono previste le attività didattiche dei corsi serali con conseguente utilizzo dei laboratori”.