Busta con proiettile per il regista campobellese Piero Indelicato

1711

Un proiettile da fucile calibro 12 di colore nero dentro una busta da lettere di colore bianco, con su scritto “CAUVURU”. A riceverlo è stato l’attore e regista campobellese Piero Indelicato, attualmente impegnato con la messa in scena, in vari teatri della provincia, di uno spettacolo teatrale dal titolo “Cauro”, già rappresentato il 23 maggio e il 19 luglio scorsi nel Comune di Campobello di Mazara, che verrà replicato il 22 e 23 agosto presso l’anfiteatro “Franco Franchi e Ciccio Ingrassia” della frazione balneare di Triscina di Selinunte. La manifestazione teatrale, di cui è autore Francesco Randazzo, è una cronistoria dei principali eventi di cronaca nera legati alle stragi di mafia che hanno portato alla morte dei giudici Falcone e Borsellino e degli agenti di scorta, che contengono dei messaggi di lotta e resistenza nei confronti del fenomeno mafioso.
L’episodio appare ancor di più inquietante dal momento che Piero Indelicato già negli anni 2015/2016 ha ricevuti atti intimidatori, regolarmente denunciati, esattamente come quest’ultimo – denunciato alla stazione dei Carabinieri di Campobello di Mazara – ed è stato riconosciuto dal Ministero degli Interni – che gli ha concesso un contributo economico – come vittima di usura operata nei suoi riguardi da Vito Margiotta. A quel tempo Indelicato portava avanti un’attività commerciale legata alla vendita per prodotti agricoli.