Doveva essere un normalissimo intervento per sedare una lite in famiglia e ricondurre alla ragione un uomo in preda ai fumi dell’alcol, invece i Carabinieri della Sezione Radiomobile di Marsala si sono visti costretti a denunciarlo per resistenza, minaccia ed oltraggio a Pubblico Ufficiale. La richiesta di intervento alla centrale operativa è partita dalla famiglia.

Raggiunto l’indirizzo indicato dalla centrale l’equipaggio della gazzella ha appurato la presenza di un uomo in evidente stato di alterazione psicofisica, in pratica ubriaco fradicio, circostanza confermata anche dai familiari dell’uomo, un marsalese di 41 anni, spaventati dai suoi incontrollati impeti di rabbia. Sin da subito, il 41enne è stato poco collaborativo nei confronti dei militari intervenuti. Prima ha chiuso il portone d’ingresso nel tentativo di non farli entrare in casa, poi li ha minacciati e offesi.

Probabilmente la vicenda poteva essere chiusa a questo punto se l’uomo avesse accolto l’invito a calmarsi, ma dalle minacce è passato alle vie di fatto aggredendo i carabinieri che a questo punto si sono visti costretti a immobilizzarlo e a condurlo in caserma dove hanno proceduto alla denuncia.