domenica, Luglio 14, 2024
24.1 C
Trapani
HomeAttualitàAntonini rilancia: "Stiamo costruendo due squadre di livello per il prossimo anno"

Antonini rilancia: “Stiamo costruendo due squadre di livello per il prossimo anno”

Il presidente della SportInvest allontana le voci di un suo addio da Trapani

Dopo la pesante sconfitta rimediata ieri al “Carlo Zecchini” di Grosseto che ha negato al Trapani la possibilità di centrare uno storico triplete con il 5-1 subìto in finale di Poule Scudetto contro il Campobasso, il presidente Valerio Antonini ha allontanato le voci che si sono susseguite nelle ultime ore circa una sua permanenza a Trapani. “Finalmente questa interminabile stagione è finita. Dispiace chiuderla così ma i ragazzi erano stremati e non ne avevano più. Si poteva certamente gestirla molto più dignitosamente e questo lascia spazio a valutazioni oggettive per il futuro su chi può e non può indossare la maglia granata che ricordo ai nostri professionisti va sempre onorata. Chiedo scusa – ha affermato – ai tifosi giunti fino a Grosseto per l’indecorosa prestazione; ci accomuna oggi un senso di dispiacere per non avere di fatto neanche provato a giocarcela”.

“Chiudiamo però, è bene ricordarlo, una stagione trionfale, indimenticabile, che rimarrà nei miei e nei vostri cuori per sempre. Due campionati vinti con altrettante storiche promozioni: una Coppa Italia, una Supercoppa italiana LNP, una semifinale Coppa italia di basket e una finale di poule scudetto. Qualcosa di eccezionale che non è minimamente scalfita dal risultato di oggi”. Antonini ha specificato: “In merito alle voci poi circolanti sui mezzi di informazione ci tengo a precisare quanto segue:
1) Non ho mai minimamente pensato di lasciare. Sto facendo sì delle riflessioni profonde dettate da quanto successo dopo Fortitudo Bologna – Trapani Shark perché non sono stato difeso come mi aspettavo di fronte a un sopruso che alla fine dei conti ha subito l’intera comunità privata del poter festeggiare il campionato sul campo e con una aberrante richiesta di daspo avanzata nei confronti del sottoscritto;
2) Non ho mai espresso pubblicamente e privatamente giudizi contro la tifoseria. Ho manifestato disappunto perché non hanno capito lo spirito con cui avevo costruito la serata né hanno cercato un confronto costruttivo con me. Ma per me è acqua passata già; 
3) Non ho mai preso alcuna decisione, inclusa la festa del 13 giugno, se non nell’interesse della città intera, visto che il mio obiettivo, compreso da pochi evidentemente, era quello di portare personaggi dal profilo nazionale ed internazionale per far girare il nome TRAPANI ovunque. Mi rendo conto che la città non ha ancora consapevolezza di quello che siamo diventati quest’anno, ma sono convinto che tutti insieme miglioreremo per arrivare ai risultati che vogliamo.
Ora godiamoci settimane di riposo, ben sapendo che sto già costruendo due squadre importanti anche per il prossimo anno. Buone vacanze a tutti e sempre e solo Forza Trapani. Vi voglio bene!”.

  • LO SPETTACOLO DELL’ALBA AL PARCO ARCHEOLOGICO DI SELINUNTE - INVENZIONI A TRE VOCI

Altre notizie