domenica, Luglio 14, 2024
29.1 C
Trapani
HomeAttualitàMazara del Vallo, presentato il nuovo piano pastorale

Mazara del Vallo, presentato il nuovo piano pastorale

Il Vescovo Domenico Mogavero l’ha definita «un’opportunità provvidenziale per aprire gli occhi su una realtà che chiede di essere analizzata e interpretata». Un anno d’impegno pastorale che può dare i suoi frutti, puntando i riflettori sui giovani, coloro che sono al centro del nuovo Piano pastorale. Il documento è stato presentato nella Cattedrale di Mazara del Vallo, alla presenza di fedeli e dei presbiteri della Diocesi. Un testo che rilancia il progetto educativo di pastorale giovanile diocesano quadriennale 2017-2021 “Abitare coi giovani”. Mogavero ha definito la realtà giovanile «croce e delizia»non solo nelle comunità parrocchiali ma anche nella società civile. Spesso i giovani non vengono ascoltati e tra di loro e gli adulti c’è una differenza di linguaggio, spesso assenza di sintonia: «Noi adulti siamo capaci di essere “significativi” per i nostri giovani?»ha detto il Vescovo. «Stiamo rischiando seriamente di perdere i contatti con il mondo adolescenziale e giovanile per mancanza di connessione»ha detto ancora monsignor Mogavero. Il Piano, messo in atto attraverso una metodologia chiara e condivisa, vuole recuperare questo gap. Il Vescovo di Mazara ha invitato i presbiteri a uscire fuori gli ambienti parrocchiali, «ad andare nei luoghi “abitati” dai giovani e tradurre il Piano in azioni concrete attraverso una metodologia chiara». È nata quest’anno la “Cattedra per i giovani” che è rivolta alla formazione per l’accompagnamento giovanile; c’è poi la formazione permanente del clero che, come ha detto il Vescovo, «avrà quest’anno per oggetto l’approfondimento di tematiche riguardanti la pastorale giovanile». E non saranno le due uniche occasioni.  Perché si pensa a rafforzare i centri di ascolto nelle scuole, a rilanciare il “Progetto Policoro” con le sue straordinarie opportunità di sostegno all’imprenditorialità giovanile, in un’ottica di sussidiarietà, solidarietà e legalità. Un ulteriore strumento sarà l’istituzione di piccoli centri giovanili come luoghi di accoglienza e integrazione. 

  • LO SPETTACOLO DELL’ALBA AL PARCO ARCHEOLOGICO DI SELINUNTE - INVENZIONI A TRE VOCI

Altre notizie