Marsala: l’assessore alla Pubblica istruzione risponde al Gruppo consiliare “Civicamente”

133

Con riferimento alla nota stampa inviata dal Gruppo consiliare “Civicamente” di Marsala, si riportano qui di seguito le dichiarazioni dell’assessore alla Pubblica istruzione Antonella Coppola (con riguardo a nuovi locali per il plesso Pestalozzi) e del Consiglio di Amministrazione dell’Istituzione “Marsala Schola (relativa al servizio scuolabus).

Abbiamo concordato con la dirigenza dei servizi sociali di accogliere tre classi all’interno dei locali dell’ex scuola Cannata di via Trapani, attualmente utilizzati come Uffici dagli stessi servizi sociali, afferma l’assessore Antonella Coppola. Per la piena fruizione dei locali da parte del Pestalozzi occorreranno alcuni interventi di manutenzione cui questa Amministrazione sta provvedendo”.

Intanto va detto che il prolungamento delle vacanze natalizie decretato dalla Regione e la successiva didattica a distanza – di fatto – non hanno consentito l’attivazione del servizio scuolabus che era stato prontamente predisposto. A tal riguardo, giunge il chiarimento del CdA di “Marsala Schola” presieduto dall’avv. Sergio Bellafiore, con componenti la prof. Luigia Ingrassia e il dott. Salvatore Virzì: “A seguito della chiusura del plesso Pestalozzi e della scelta didattica della dirigenza e delle famiglie di non svolgere turni pomeridiani, il Comune di Marsala – nella persona del sindaco Massimo Grillo e degli assessori Antonella Coppola e Giuseppe D’Alessandro – si è prontamente attivato per verificare se questa Istituzione avesse la possibilità di approntare due nuove linee scuolabus per collegare il plesso Pestalozzi alle aule scolastiche site nelle contrade Cutusio-San Leonardo. Il servizio è stato immediatamente predisposto con delibera del CDA n. 1\2022 di previsione del servizio aggiuntivo e la determina del Direttore n.3\2022 di impegno delle somme a bilancio. Atti che risultano regolarmente pubblicati all’Albo Pretorio on line del sito dell’Istituzione e che sembrano essere sfuggiti all’attenta analisi dei fatti dei consiglieri del gruppo Civicamente”.