Salvo Piparo e l’arte del cunto

150

La satira ed il racconto non conoscono barriere così, quando in Sicilia i signori si macchiavano di delitti efferati ed inenarrabili, i cuntisti ammantavano queste storie e questi racconti di una atmosfera fiabesca, al fine di evitare le ire dei padroni assassini che non gradivano si parlasse dei loro delitti, e in qualche modo, informare la popolazione degli accadimenti. Già, perchè i cuntisti, i cuntastorie, soprattutto in Sicilia, erano dei veri e propri telegiornali, con il compito di informare i ceti più bassi della popolazione. Quelli meno attrezzati. Un lavoro, quindi, che alla performance artistica univa una utilità sociale di tutto rilievo. E tutto questo lo abbiamo ritrovato nello spettacolo che Salvo Piparo ha portato in scena al cortile di Palazzo Sales ad Erice. Una performance di assoluto rilievo. Accompagnata dal polistrumentista Michele Piccione lo spettacolo è stato un viaggio modernissimo in una tradizione che affonda le radici nella storia medievale della nostra terra. Piparo è attore e ricercatore di livello, forte di un talento cristallino, sa rapire l’attenzione del pubblico per tutto lo spettacolo, divenendo ora Virgilio ora Caronte, ma sempre con le redini della conduzione saldamente nelle mani. Davvero uno spettacolo godibile che ha fatto registrare il tutto esaurito nell’ampio spazio del cortile Sales. Organizzato in collaborazione con gli Amici della Musica di Palermo, “Il Cunto” era inserito nel ricco e raffinato cartellone voluto dall’amministrazione comunale di Erice, con in testa l’assessorato alla cultura guidato da Rossella Cosentino. Oltre alla musica e al teatro che tanti bei nomi hanno portato in vetta, in questa caldissima estate ad Erice siamo stati al cinema all’aperto, in una piazza suggestiva com’è quella di San Giuliano e con titoli di altissimo livello, come “La brava moglie”, “Rocketman” e “Le sorelle Macaluso”, giusto per citarne alcuni. La rassegna è ancora in corso, come sono in pieno svolgimento gli incontri sulla archeologia promossi dal gruppo Erichinon. Insomma ad Erice l’estate è densa di cultura tanto per quello che concerne l’offerta cinematografica, come quella musicale o teatrale.