Custonaci, in fase di ultimazione i lavori nell’itinerario ciclo-pedonale di Cornino

I lavori di recupero della strada basolata che collega la foce del Rio Forgia con Cornino. Un tratto di litorale da dove passa il Sentiero Italia e che collega la montagna di Erice ed il borgo di Bonagia con Monte Erice.

1563

di Mario Torrente

In fase di ultimazione i lavori per la realizzazione del percorso ciclo pedonale tra Rio Forgia e Cornino, nel territorio di Custonaci, lungo la strada basolata che per decenni era rimasta piuttosto malconcia.

I lavori sono a buon punto e secondo quanto prospettato dal sindaco di Custonaci Giuseppe Morfino si dovrebbero concludere entro fine anno. La vecchia strada basolata tra Rio Forgia e Cornino, per decenni lasciata in condizioni di abbandono e piuttosto malconcia, è stata praticamente divisa in due: per metà è rimasta basolata per la passeggiata pedonale mentre la parte lato mare è stata destinata a pista ciclabile. I lavori sono partiti ad inizio 2022. Il progetto è stato predisposto dall’amministrazione comunale di Custonaci guidata dal sindaco Giuseppe Morfino. Per realizzare l’opera il Comune ha fatto un mutuo di 600 mila euro con il Credito Sportivo.

Per la sua ultimazione si attende il prodotto per rendere liscia la pavimentazione della pista ciclabile e la realizzazione dell’impianto di illuminazione. La strada sarà infatti dotata di particolari fari bassi che renderanno questa passeggiata ancora più suggestiva. La strada collega la foce del rio Forgia con Cornino, dove è anche prevista la sistemazione della piazzetta che si affaccia sulla baia di Monte Cofano. A riguardo, come fatto sapere dal sindaco Morfino, si attende il parere della Soprintendenza ai beni culturali.

Il nuovo percorso ciclo pedonale passa da uno degli itinerari più belli della zona, dove già molte persone vanno a camminare o a pedalare. Da qui ci passa anche il Sentiero Italia dei Cai nel tratto che collega Erice con Custonaci per proseguire in direzione Macari passando dalla Riserva di Monte Cofano.

Tra l’altro la strada venne realizzata durante il primo mandato da sindaco di Peppe Morfino, che guidò il Comune di Custonaci dal 1985 al 1991. In quel periodo si puntava ad una vera e propria litoranea in questo tratto di costa, un po’ come quella realizzata a lido Valderice che arriva fino alla spiaggia di Rio Forgia. Ma a suo tempo la Soprintendenza diede l’ok solo per la strada basolata, senza asfalto e altre opere. Il che ha permesso di preservare questo tratto di litorale con bellissimi scorci sul Monte Cofano ed il mare di Cornino. Successivamente le altre amministrazioni comunali sistemarono la piazzetta vicino al porticciolo, dove tra l’altro sono previsti alcuni interventi con la collocazione di attrezzature a servizio dei ciclisti.

La passeggiata ciclo-pedonale, del resto, inizia proprio da quest’area, che si affaccia sul mare di Cala Bukuto, per concludersi poco prima della foce del fiume Rio Forgia che in estate, essendo il corso d’acqua asciutto, è possibile attraversare senza problemi, anche dalla spiaggia. In inverno, invece, in base alle piogge, il torrente può andare anche in piena. Per garantire quindi la prosecuzione dell’itinerario tra i territori di Custonaci e Valderice, a prescindere dal corso d’acqua, servirebbe dunque un ponticello pedonale tra i due argini. Il che permetterebbe di attraversare il fiume per tutto il periodo dell’anno, a prescindfere dalle piogge, collegando cosi l’itinerario ciclo pedonale che parte da Bonagia con quello di Custonaci per poi proseguire, attraverso i sentieri della Riserva di Monte Cofano, lungo il golfo di Macari per arrivare nel territorio di San Vito lo Capo.

GUARDA IL SERVIZIO ANDATO IN ONDA NEL TG