Il 20 febbraio torna in libreria Virginio La Porta, il professore di matematica creato dallo scrittore Maurizio Macaluso

73

Il 20 febbraio torna in libreria Virginio La Porta, l’impacciato e introverso professore di matematica creato dallo scrittore Maurizio Macaluso. “La mosca bianca”, edito da Margana Edizioni, è il sequel de “La pecora nera”, il fortunato romanzo uscito nella primavera di due anni fa, ma è anche una storia a sé in grado di appassionare nuovi lettori.

La storia 

Virginio La Porta, tranquillo professore di matematica, sposato e padre di una figlia, conduce una vita appartata. Un giorno alla sua porta si presenta Mariuccia, figlia del fratello Giovanni,  boss spietato e sanguinario, da cui il professore ha da tempo preso le distanze. Il suo arrivo sconvolge la vita di Virginio. 

Mariuccia è una ragazza problematica, soffre di repentini balzi di umore e semina zizzania tra lo zio e la moglie. Da questo momento la vita del professore  prende una piega inattesa e imprevedibile. Virginio La Porta è costretto a districarsi tra sospetti e misteri nel disperato tentativo di non restarne travolto. Sullo sfondo l’ombra ingombrante di Giovanni che, dieci anni prima, ha tentato di ucciderlo e che, da un momento all’altro, potrebbe tornare per saldare i conti. 

Con il suo stile scarno e incalzante, Macaluso ci conduce dentro questo intricato giallo non mancando, come è nel suo stile, di toccare temi sociali di grande rilevanza che ne fanno anche un racconto intimo. Una storia familiare dai risvolti inattesi e imprevedibili che induce alla riflessione. Un libro destinato a tutti. “La mosca bianca” è in vendita in libreria e nei principali store online.

L’autore

Maurizio Macaluso ha cinquant’anni. Dal 1992 è giornalista. Ha collaborato con diversi giornali e con emittenti televisive. Ha trascorso gran parte della sua vita nelle aule dei Tribunali occupandosi di importanti casi giudiziari. Da una sua inchiesta giornalistica è scaturita la riapertura del caso della strage di Alcamo Marina. 

Da sette anni ha deciso di dedicarsi maggiormente alla narrativa, sua prima grande passione. Ha pubblicato otto libri: “L’uomo che amava i bambini” (2015), “La Cagna” (2017), “Meglio un rospo arrapato che un principe attempato” (2017), “Di domenica” (2017 e 2019), “Sarò Dio” (2019), e “Confessioni di un innocente” (2020). Nello stesso anno ha iniziato una proficua collaborazione con la casa editrice Margana pubblicando “La pecora nera”.

La casa editrice

Margana Edizioni è nata a Trapani nel 2009 dopo un’intensa e proficua collaborazione con Coppola Editore, battagliera casa editrice vocata all’impegno sociale e contro la criminalità organizzata. Con lo stesso patrimonio di ideali ed esperienze viene condotta oggi l’intera attività di Margana Edizioni che si rivolge a lettori, scrittori e operatori di tutta Italia. Le diverse collane si collocano principalmente nella narrativa e nella saggistica, nel racconto autentico e appassionante del territorio siciliano e della sua storia, portando alla luce storie dimenticate e ricercando un confronto costante con gli autori, il pubblico e l’intera società.

Diversi i progetti di promozione della scrittura e della lettura mediante corsi dedicati alla poesia e alla scrittura creativa.