Il comandante Vittorio Morace, è morto dopo una lunga malattia a 81 anni. I trapanesi lo ricorderanno per il suo doppio ruolo di imprenditore nel setore del trasporto marittimo e, soprattutto, per quello di presidente del Trapani Calcio. Sotto la sua guida, fino al 2016, la compagnia Liberty Lines, in passato Ustica Lines, s’è affermata in Sicilia e come la più importante per i collegamenti con le isole minori. Approdato a Trapani dalla Campania in breve tempo Morace ha raggiunto posizioni di vertice nel settore arrivando ad operare quasi in regime di monopolio. Ma è la sua ascesa nel calcio che rimarrà sempre nelle mente dei tifosi granata. Ha acquisito il Trapani calcio sull’orlo del fallimento ed in pochi anni dal 2005 al 2018 l’ha portato dalla eccellenza alla soglia della serie A. Persona schiva e riservata, chi lo ha conosciuto lo ha descritto come un uomo amabile e schietto. Negli ultimi anni della avventura calcistica Vittorio Morace ha ceduto il passo alla moglie seguendo sempre più da lontano le vicende dei granata. Dopo l’avvio delle indagini sulla Liberty Lines Vittorio Morace, anche a causa della malattia che gli ha perfino impedito di seguire gli sviluppi processuali, s’è ritirato a vita privata in Spagna.