Pubblicità
<tonno auriga

Bandana sempre in testa, pantaloncino e magliettina attillata. Ed una energia da fare invidia ad un ventenne. Gli anni passano per tutto, ben si sa, ma per Salvatore Cardillo è davvero una storia a parte. Sessantotto anni e non sentirli su un tappetino da walking a fare allenamenti che impongono uno certo sforzo fisico, e soprattutto fiato, tanto fiato, visto che c’è da camminare tutti allo stesso ritmo ed a suon di musica per quasi un’ora. A volte andando più veloci, altre mettendo resistenza per aumentare lo sforzo sulle gambe. Scendendo e salendo da tappeto o facendo diversi esercizi per allenare una miriade di muscoli, a partire dai glutei passando per gli addominali ma anche spalle e braccia con i pesi. Una prova atletica, insomma, che mette alla prova anche i fisici più allenati e porta a belle sudate. Salvatore Cardillo, che spesso partecipa alle iniziative del Walking Programm in diverse località, è uno dei walkers più avanti con gli anni d’Italia. Con una energia ed una vitalità unica. In pensione ormai da anni, dopo avere lavorato per una vita come in un cantiere navale di Trapani, ha scoperto il walking e si buttato a capofitto in questa disciplina. Facendo molte lezioni a settimana. A volte anche due al giorno, una la mattina ed una la sera. Quasi fosse una pillola da prendere regolarmente per stare bene. E gli effetti si vedono sul suo fisico. Sempre in forma e mai un malanno. Insomma, uno stile di vita, all’insegna del fitness e del benessere, da prendere a modello per vivere una seconda giovinezza.


GUARDA IL SERVIZIO