Pubblicità
<tonno auriga

La Giunta municipale di Erice ha approvato le tariffe della Tari. Per il 2019 non è previsto alcun aumento della Tassa dei rifiuti.

L’atto deliberativo predisposto dalla giunta guidata dal sindaco Daniela Toscano a questo punto dovrà essere trattata dal Consiglio comunale per il definitivo via libera. Il piano finanziario ammonta a 5 milioni e 368 mila euro. Grazie ai risparmi di oltre 200 mila euro registrati per effetto della crescita della percentuale della raccolta differenziata, che nell’anno 2018 ha raggiunto il 48% rispetto al 28% del 2017, le nuove tariffe TARI non subiranno modifiche. Non ci sarà dunque alcun aumento della tassa dei rifiuti. Previste, inoltre, agevolazioni per le famiglie numerose con oltre 5 componenti, l’esonero totale per i primi tre anni di attività per nuove aziende e professionisti fino a 45 anni di età. Rimangono in vigore le norme che consentono un ulteriore risparmio per i singoli contribuenti che conferiranno rifiuti differenziati presso il Centro Comunale di Raccolta di Rigaletta fino al 50% della tassa, elevabili anche all’80% in alcuni casi specifici. La parola ora passa al Consiglio comunale chiamato ad approvare il piano entro il prossimo 31 marzo.

L’assessore alle Finanze e Tributi, Gian Rosario Simonte si è detto molto soddisfatto di questa proposta di delibera con cui, nonostante i maggiori costi per il conferimento dell’organico derivanti dalla chiusura della discarica di Marsala gestita dalla Sicilfert, sono state rimodulate le tariffe mantenendo sostanzialmente immutato il gettito grazie all’incremento registrato nella percentuale di raccolta differenziata. Per il vicesindaco si tratta di una proposta equa, visto che saranno mantenute le stesse tariffe dell’anno precedente, che tra l’altro risultano ancora notevolmente più basse rispetto a comuni limitrofi. Sugli avvisi che gli utenti stanno ricevendo in queste ore sull’acconto Tari per l’anno in corso, infine, l’assessore Simonte ha precisato come siano riferiti al conguaglio dell’anno 2018. Non riguardano la manovra predisposta in queste ore.”

Il sindaco Daniela Toscano ha invece lanciato un appello ai cittadini ericini, chiedendo loro di differenziare correttamente i rifiuti: solo così, facendo crescere ancora le percentuali di raccolta differenziata, si potranno ipotizzare ulteriori risparmi. E aiutare al contempo l’ambiente. I dati che arrivano dal nuovo gestore, Econord, sono infatti molto incoraggianti con una percentuale di raccolta differenziata superiore al 54% già nel mese di marzo. Ma per la Toscano è fondamentale moltiplicare ogni sforzo affinché si possa raggiungere la fatidica soglia minima del 65 % che ci consentirebbe di beneficiare di ulteriori premialità che farebbero diminuire in futuro il costo del servizio e di conseguenza le tariffe”