La trasparenza è da sempre una qualità che ha contraddistinto il mio modo di essere e di agire, così come quello della mia amministrazione sin dal suo insediamento.

Per questo è opportuno evidenziare che il nuovo servizio di raccolta differenziata iniziato l’01 marzo 2019 è frutto di un Piano Comunale predisposto e deliberato dalla precedente amministrazione nell’Agosto del 2016, il quale prevedeva minori servizi rispetto al precedente appalto, svolto dalla ditta Energetikambiente.

Nel Dicembre 2017 l’appalto e’ stato aggiudicato dall’ATI AGESP/ECONORD per un importo complessivo di € 1.800.000,00 (Unmilioneottocentomila/00) con un maggior costo a carico dei cittadini di Valderice di circa € 170.000,00 (Centosettantamila/00).

Di conseguenza abbiamo dovuto prevedere maggiori servizi che riteniamo indispensabili per il nostro territorio, come la diserbatura giornaliera, la pulizia e lo spazzamento meccanico e manuale del Cimitero Comunale, che invece non erano stati previsti nel piano comunale redatto da chi oggi riesce a fare solo uno sterile populismo mediatico

Per completezza di informazioni dobbiamo evidenziare che il maggior costo sostenuto, (non certo per nostra volontà), a causa della chiusura della discarica di C/da Borranea (TP) e della piattaforma “Sicilfert” di Marsala per il conferimento dei rifiuti organici, hanno determinato un costo di conferimento a tonnellata, quasi triplicato rispetto all’anno precedente, con un incremento di costi di circa € 95.000,00 (Novantacinquemila/00)

Sentire muovere accuse all’operato dell’Amministrazione Comunale, dal Consigliere Coppola che fino a 9 mesi fa ha amministrato le finanze di questo paese, ed è riuscito nell’impresa di aumentare nel 2018 le tariffe Tari ai cittadini del 2,5% per le utenze domestiche e del 9% per le utenze non domestiche (Commercianti, Bar e Supermercati) in assenza di aumenti dei costi del servizio di raccolta e di conferimento è davvero singolare e strumentale.

Il consigliere Coppola che oggi si meraviglia dell’aumento delle tariffe Tari, (che siamo riusciti a contenere), ha lasciato in eredità il costo non coperto dal gettito Tari 2017 di circa € 84.000,00, che ha fortemente inciso nella determinazione delle tariffe Tari per l’anno 2019.

E’ motivo di soddisfazione constatare che i cittadini nel mese di Marzo hanno differenziato rifiuti per il 73,02% e che la sinergia tra l’azienda AGESP, l’Amministrazione Comunale, il Corpo di Polizia Municipale e le Guardie Ambientali, hanno permesso di limitare i comportamenti incivili da parte di pochi cittadini che si ostinano a non fare la differenziata.

È evidente che chi in cinque anni non ha fatto nulla, per sensibilizzare cittadini, imprese e istituzioni per incrementare la percentuale di raccolta differenziata, che è addirittura scesa ad uno stagnante 45-48%, oggi si meraviglia del risultato ottenuto, cercando, con un tentativo maldestro di spostare l’attenzione sull’aumento delle tariffe Tari che pur con le difficoltà che abbiamo ereditato siamo riusciti a contenere.

L’Amministrazione Comunale è impegnata a far si, che il 73% di raccolta differenziata, possa essere incrementato, per ridurre la Tari ai cittadini già dal prossimo anno e poter contribuire a realizzare le politiche ambientali che sono il cardine per la salvaguardia del territorio e di una comunità che pensa alle future generazioni.

Il Sindaco di Valderice

Francesco Stabile