I Misteri nell’arte trapanese

Inaugurata a Trapani, nei locali di Palazzo Milo, la mostra “I Misteri nell’arte trapanese”. L’esposizione, organizzata dall’associazione Agorà, si potrà visitare fino al 22 aprile.

La mostra è stata allestita a piano terra di palazzo Milo ed è stata presentata nel corso di un convegno che ha visto la partecipazione di tutti i protagonisti di questa iniziativa a partire dal presidente dell’associazione Agorà Dario Gentile.  In esposizione dentro che teche che guardano sulla via Garibaldi ci sono i Misteri in miniatura realizzati da Vito Romano, autentiche opere d’arte curati nei minimi, la cui precisione e meticolosità sfiorano la perfezione. Nella parete si possono invece ammirare gli acquerelli della professoressa Maria Giovanna Cammarasana, anche lei presente assieme a Vito Romano nell’incontro di presentazione tenuto a Palazzo Milo. Ed infine, una chicca storica. In esposizione c’è la statua del Cristo con la Croce realizzata da Pietro Croce dopo che l’originaria immagine dell’Ascesa al Calvario andò persa a causa di un incendio. Fino al 1903 questa statua dello scultore ericino fece parte del gruppo “L’Ascesa al Calvario”, conosciuto a Trapani come il Popolo: uscì in processione dal 1856 fino a quando, agli inizi del Novecento, venne sostituito con l’attuale statua di Gesù sotto la Croce realizzata da Antonino Giuffrida. In tutti questi decenni è rimasto dentro la chiesa di Maria Santissima del Gesù. Adesso si può ammirare a palazzo Milo grazie all’iniziativa promossa dall’associazione Agorà.

Mario Torrente

GUARDA IL SERVIZIO CON L’INTERVISTA A DARIO GENTILE