“L’Airgest non sarà messa in liquidazione”

Lo ha assicurato il presidente della Regione Nello Musumeci chiudendo gli stati generali del turismo tenuti ad Erice. Ma non sono mancate le polemiche e le constestazioni.

Pubblicità
<tonno auriga

L’Airgest, la società che gestisce l’aeroporto di Birgi, non sarà messa in liquidazione. Lo ha garantito il presidente della Regione Nello Musumeci chiudendo sabato pomeriggio gli stati generali del turismo ad Erice. Ma non sono mancate le polemiche e le contestazioni.

Musumeci è stato contestato all’inizio del suo intervento dai componenti del comitato “se volo… voto! “, che si sono presentati ad Erice con le loro magliette e bandiere nere per fare sentire la loro voce di protesta al governatore. Che dal canto suo ha assicurato il pieno sostegno all’aeroporto di Birgi, smentendo categoricamente quanto prospettato dal presidente di Airgest Angius ed escludendo quindi la messa in liquidazione della società che gestisce l’aeroporto di Birgi. Le sue parole, a riguardo sono state chiarissime.

Si punta sempre a mettere a sistema l’aeroporto di Palermo con quello di Birgi. A riguardo Musumeci ha annunciato la convocazione di un incontro con Orlando. Ma si guarda anche allo scalo Catania. Da questo versante tiene banco l’asse l’accorpamento con Comiso. Ed in questo progetto potrebbe entrare in partita anche il “Vincenzo Florio”. Un piano “B” dunque, qualora sfumi l’ipotesi palermitana. Intanto si resta in attesa della nomina del nuovo presidente dell’Airgest, che come fatto sapere dallo stesso governatore dovrebbe essere formalizzata a breve. Insomma, il presidente della Regione ha assicurato il massimo impegno per lo scalo trapanese. Tant’è che ha anche annunciato la costituzione di un Comitato per la salvaguardia dell’aeroporto di Birgi, ci cui farà parte anche la presidente del Distretto turistico Rosalia d’Alì.