Pubblicità
<tonno auriga

Il bilancio è di otto denunce e due arresti

Otto persone denunciate a piede libero per furto di energia elettrica a Mazara del Vallo da parte dei carabinieri che nel corso del week end hanno effettuato una serie di controlli di concerto con il personale specializzato dell’Enel. A Partanna, i militari dell’Arma hanno arrestato, con l’accusa di furto un 63enne, di cui non sono state fornite le generalità, volto noto alle forze dell’ordine per le passate turbolenze. L’uomo è accusato di aver sottratto il cellulare di una donna, infastidita dal 63enne, per impedirle di chiamare i carabinieri. L’uomo dopo aver colpito con un calcio un’amica della vittima, era riuscito a fuggire con la refurtiva, ma è stato rintracciato e posto agli arresti domiciliari in attesa del rito direttissimo. Altro arresto a Castelvetrano. In manette un 42enne, accusato di aggressione a pubblico ufficiale. Nel corso di un controllo di routin, l’uomo, con alle spalle alcuni precedenti, si sarebbe scagliato contro i militari dell’Arma minacciandoli. Per lui è dunque scattato il fermo.  Adesso si trova in attesa del rito direttissimo.