rbt
Pubblicità
<tonno auriga

Per la Cgil il territorio e i cittadini  stanno pesantemente subendo la crisi economica e le infiltrazioni della criminalità organizzata nel sistema imprenditoriale, politica e istituzioni

La crisi economica e occupazionale in provincia di Trapani e la lotta al sistema mafioso che si frappone allo sviluppo del territorio sono stati i temi discussi dai sindacalisti della Cgil durante il comitato direttivo che si è tenuto ieri pomeriggio.Per la Cgil il territorio e i cittadini  stanno pesantemente subendo la crisi economica e le infiltrazioni della criminalità organizzata nel sistema imprenditoriale, nella politica e nelle Istituzioni. “Il territorio è al collasso – sottolinea il segretario generale della Cgil di Trapani Filippo Cutrona – i dati Istat confermano la stagnazione dell’economia e dell’occupazione nel trapanese. Nel 2017 – prosegue – il territorio ha perso circa il 5 per cento dell’occupazione e oggi la disoccupazione continua a crescere, il 50 per cento delle donne continua a non trovare un lavoro mentre un giovane su due è disoccupato. Per arginare l’emergenza occupazionale occorre una politica nazionale e regionale che punti sugli investimenti perché solo così si potrà riattivare il lavoro in provincia di Trapani e in tutto il Meridione. Ai sindaci del territorio chiediamo di dare priorità al tema del lavoro per uscire dalla paralisi economica e dalla crisi sociale”.  Puntare sugli investimenti per ammodernare le infrastrutture e per potenziare i servizi valorizzando il patrimonio culturale, ambientale e per rilanciare i settori produttivi che caratterizzano il territorio, è quanto chiederà, ancora una volta, la Cgil alla politica e alle Istituzioni. Nel corso dei lavori, cui ha preso parte la segreteria regionale della Cgil Mimma Argurio, è stata, infine, presentata la manifestazione per celebrare la festa delle lavoratrici e dei lavoratori: quest’anno il tema scelto dalla Cgil, dalla Cisl e dalla Uil è “La nostra Europa: lavoro, diritti, stato sociale’. In provincia di Trapani lavoratrici, lavoratori, giovani, disoccupati e anziani si ritroveranno a Campobello di Mazara per la storica manifestazione giunta al 61esimo anno.