Spettacolo al Pala Conad. La pallacanestro trapani vince anche gara 4 e porta Treviso alla bella. Finisce 80-74

Allora non può essere un caso. Quello che hanno fatto i ragazzi della Pallacanestro Trapani non si chiama solo cuore. Quante volte in conferenza stampa abbiamo sentito coach Parente dire “stiamo crescendo” e quante volte abbiamo ascoltato con l’orecchio dello scettico. Tante. Ma queste ultime due partite, con la conferma di quella di ieri sera, ci hanno detto che c’è stata veramente una crescita caratteriale dei ragazzi che sono arrivati a questi play off dal punto di vista emotivo e caratteriale,al massimo e forse più, delle loro possibilità. Chissà se coach Menetti questa notte è riuscito a dormire. I suoi saranno stati incubi, mentre i sogni dei tifosi granata sono stati costellati da immagini meravigliose fatte delle triple impossibili di Clarke, delle stoppate di Nowhocha, dalle giocate di Pullazi e Renzi ma dovremmo nominare tutti, perché tutti e dieci i giocatori chiamati alla causa hanno giocato col coltello tra i denti di fronte all incredulità di Treviso, che anche in gara 4 non ha giocato come ci aspettavamo, non perché sottotono, ma perché asfissiata dal gioco e dalla difesa di Trapani. Non sappiamo come andrà mercoledì ed in realtà poco ci importa. La squadra di ragazzini con un allenatore alla sua prima esperienza da capo, ci ha insegnato che possiamo e dobbiamo ancora emozionarci, che per due ore possiamo spellarci le mani ed uscire dal palazzetto senza voce. Gli stessi applausi che hanno accolto coach Daniele Parente in conferenza stampa.