Pubblicità
<tonno auriga

La simulazione di un convoglio militare attaccato da terroristi ha concluso, questa mattina, i tre giorni di attività addestrativa alla caserma di Trapani

Un convoglio di mezzi militari, impegnati in una zona di guerra, viene bloccato durante una attività di perlustrazione  da un gruppo di uomini, armati di bastone. I soldati scendono dai mezzi e con l’ausilio di un interprete tentano di calmare gli esagitati. L’atmosfera diventa subito incandescente. Gli uomini in divisa vengono attaccati.  Vengono esplosi contro di loro colpi  di arma da fuoco. Due di loro rimangano feriti. Uno è grave. Dispersi i facinorosi, i soldati rimasti sul selciato vengono soccorsi e accompagnati nella tenda da campo. Lo scenario di guerra è stato riprodotto, questa mattina, alla caserma Luigi Giannettino a conclusione dell’attività addestrativa che ha visto impegnati il reggimento bersaglieri, il Corpo militare e le infermiere volontarie della Croce rossa. Una simulazione per tastare il livello di preparazione dei soldati e della macchina dei soccorsi a cui ha preso parte anche la giornalista Ornella Fulco nei panni dell’inviata di guerra.“Assistenza sanitaria in aree di crisi”: il tema del seminario che si è svolto prima della simulazione.