SONY DSC
Pubblicità
<tonno auriga

Nelle loro abitazioni i carabinieri di Marsala hanno rinvenuto marijuana e hashish pronte per essere spacciate nei quartieri popolari della città

Ad incastrare madre e figlio è stato il fiuto infallibile di Ron e Ulisse, due splendidi esemplari di pastore tedesco. Cani antidroga che hanno consentito ai carabinieri di rinvenire negli appartamenti di Antonina Prinzivalli e del figlio Leonardo Agostino Prinzivalli, un ingente quantitativo di droga pronta per essere smerciata nei quartieri popolari di Marsala. Così i due sono stati arrestati con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. In particolare, a casa della donna i cani hanno ritrovato 70 grammi di marijuana e circa 3000 euro in contanti, proventi dell’attività di spaccio. Ma Ron e Ulisse hanno anche fiutato la droga, 150 grammi di hashish, che Leonardo Agostino Prinzivalli, secondo la tesi accusatoria, aveva nascosto nel soppalco ricavato nel bagno della sua abitazione. L’arresto è stato convalidato dal giudice che ha disposto per madre e figlio l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Leonardo Agostino Prinzivalli, inoltre, è stato sottoposto all’obbligo di dimora nel comune di residenza.